Sono tra le piante più antiche del mondo e, una volta morte, i loro resti si trasformano nella fonte di energia che alimentò la rivoluzione industriale, trasformando l’America da regione selvaggia a mega stato. Questa fonte di energia è anche una delle cause della più grande catastrofe che oggi il mondo deve affrontare: il cambiamento climatico.

Le felci nacquero 335 milioni di anni fa, un numero quasi inconcepibile. Le foglie e le fronde leggerissime si nutrivano dei raggi del sole e immagazzinavano l’energia solare, finché non cadevano e diventavano materia organica. Col passare del tempo rimasero sepolte sotto un sedimento fangoso. All’inizio si trasformarono in uno strato poroso di torba, fino a formare, dopo molti millenni di compressione, uno strato ricco di carbonio e pieno di potenziale energia nera: il carbone.

carbonefelceNel XVIII secolo il commercio del carbone era fiorente, e alla metà del 2° millennio d.C. si può dire che molte persone fossero diventate ricche e famose grazie a ciò che rimaneva delle felci. Solo dopo gli anni 60 del ‘900 si chiarì che l’effetto combinato della combustione di combustibili fossili e del rilascio di gas metano stava distruggendo lo strato di ozono della stratosfera che protegge la Terra dalle radiazioni nocive per l’uomo.

Nel 2000, si è arrivati a consumare ogni anno felci e alberi fossilizzatisi nel corso di 2 milioni di anni. Da tutto il mondo ora arrivano appelli affinché si smetta di prendere il carbone dalla natura, bruciarlo e poi emetterne gli scarti nell’aria. Dovremmo ritornare alla ciclicità della natura stessa e trasformare le emissioni in immissioni di energia per le generazioni future.

Le felci sono piante particolari anche perché non sono dotate di semi, frutti e fiori come le cosiddette piante superiori (angiosperme e gimnosperme) ma si riproducono tramite spore, cellule che sono riunite in piccoli gruppi sulla pagina inferiore all’apice del fogliame.

Il loro valore ornamentale non è assolutamente da sottovalutare in quanto sono molto adatte ad arredare di verde i nostri appartamenti. Nonostante il loro ambiente prediletto sia il sottobosco, sono piante che si adeguano senza grossi problemi anche a climi ben differenti da quello del loro luogo d’origine.

asplenium nidus felceLe specie coltivate in casa sono moltissime, e appartengono solitamente ai generi Adiantum, Asplenium o Nephrolepsis.
Non sono esigenti per quanto riguarda la luce perché arrivano a preferire il buio ai raggi diretti. L’attenzione maggiore va infatti rivolta alle annaffiature: il loro terreno va rigorosamente tenuto umido. Essendo piante sempreverdi sono le più indicate per trasformare la nostra casa in oasi verdi anche durante il freddo e grigio inverno che è in arrivo.

capelvenere felce felce

 

3 pensieri su “felci, le super piante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi saperne di più?

Richiedi il migliore servizio per il tuo giardino!

Richiedi una consulenza
×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× Ti serve aiuto?