Come costruire un incantevole giardino in miniatura

 In progetti di spazi verdi

In questo post diamo delle indicazioni utili per stimolare la creatività di adulti e bambini, sulla creazione di un giardino in miniatura su piccolissima scala. Che ne pensate di riprodurre un incantato rifugio naturale della fantasia oppure una giungla preistorica. Il tutto verrà ricreato in un piccolissimo spazio pari a quello di una cassetta di frutta. In breve tempo, vi troverete coinvolti in un’avventura fantastica, capace di stimolare la vostra fantasia e quella dei vostri figli, la costruzione di un giardino in miniatura, ricco di vegetazione e di fiori colorati.

Elementi essenziali dell’attività da svolgere

Tempo stimato per lo svolgimento: 45 minuti circa,

Luogo indicato: all’aperto o in casa: in giardino, in terrazzo, in campagna, nel bosco, al mare, in cucina o in soggiorno.

Periodo consigliato: non ci sono stagioni consigliate per svolgere questa attività. L’unico vincolo è la disponibilità o meno di alcune piante in commercio.

Esperienza richiesta di giardinaggio: nessuna esperienza necessaria in giardino,

Obiettivi dell’attività:

  • Utilizzare l’immaginazione per creare un piccolo giardino, basato su un tema specifico,
  • Imparare a sperimentare l’uso di piccoli oggetti naturali per simularne di più grandi, a grandezza naturale,
  • Potrebbe essere la base di partenza per stimolare i bambini alla narrazione di una storia di fantasia, ambientata in un paesaggio naturale.

Preparazione

Prima di iniziare questa nuova avventura, dovete pensare e sviluppare il tema principale, quali caratteristiche dovrebbe avere il giardino, quali ‘personaggi’: un giardino dell’eden, un orto, una giungla tropicale, un deserto, un giardino mediterraneo. Di recente avete letto un libro che vi ha coinvolto con le sue ambientazioni naturali. Perché non cercare di ricrearne una in particolare?

Per prima cosa, cercate di disegnare una bozza del progetto di giardino che andrete a riprodurre, quali piante vorreste usare e in quali posizioni metterle a dimora. Se siete bravi nel disegno a mano libera, saranno sufficienti un foglio e una matita. In alternativa, se siete figli della tecnologia, potreste usare delle applicazioni utili al disegno o programmi di grafica.

Capite meglio se le piante che vorreste utilizzare possono essere adatte o meno al progetto del nuovo giardino. Per questa avventura potreste fare un’ottima esperienza nell’impiego di talee radicate oppure in piccole piante coltivate in alveoli o in vasi di 5/8 cm. di diametro.

Piante aromatiche di uso comune in cucina, come il rosmarino, il prezzemolo o il coriandolo sono ottime per piantare alberi sempreverdi o arbusti dalle fragranti note. Il prato può essere ricreato con l’impiego di semi di lolium perenne, di festuca, o di erba gatta. In pochi giorni avrete una ricca vegetazione di colore verde brillante.

Attrezzature necessarie

Solo alcuni consigli su ciò che dovrebbe servirvi per svolgere in modo corretto questo piccolo esercizio di fantasia e creatività.  Utilizzate pochi elementi, dal costo irrisorio, disponibili per tutti:

  • Fogli di carta e delle matite per disegnare il progetto e le viste prospettiche.
  • Un contenitore dalle dimensioni adeguate al giardino che vorrete realizzare come un grande vassoio, dei cestini per la frutta oppure una cassetta in plastica o, meglio ancora, in legno.
  • Procuratevi del terriccio, completo di materiali per il drenaggio. Eviterete di affogare in breve le nuove piantine e faciliterete il deflusso dell’acqua in eccesso.
  • Le piante sono l’ingrediente indispensabile. Cercate delle giovanissime piante di ortaggi dal portamento compatto, delle talee ben radicate o dei semi che possano far germogliare l’albero o l’arbusto che desiderate. Rispettate con rigore il tema che avete scelto, sarete sorpresi del risultato che riuscirete ad ottenere.
  • Anche altri materiali naturali come muschio, piccoli rametti, sassi o rocce, pigne sono oggetti funzionali all’ottenimento del risultato. Non sempre è possibile creare un cespuglio o un rilievo con gli ingredienti tradizionali. Meglio avere la fantasia che ci aiuta e ingredienti in più. Ci saranno molto utili.
  • Non limitatevi al materiale verde ma preparatevi ad impiegare anche altri oggetti per creare strutture e decorazioni, come argilla da modellare, tappi di bottiglia, bastoncini di gelato, ciottoli e ghiaia.
  • Infine, anche dei personaggi daranno maggiore realismo al piccolo giardino. Mantenete il tema, non inserite un trattore in un giardino tropicale, una palma in un giardino alpino, un ometto vestito da tirolese in un giardino mediterraneo. Qualcuno potrebbe accorgersi che una nota non è al suo posto!

Procediamo un passo alla volta

  1. Un giardino non può essere creato in pochi minuti. Numerose sono le parti che devono essere composte per renderlo completo: il terreno, la definizione delle sue forme, le piante da impiegare, i suoi abitanti, muretti, giochi d’acqua, statue, scale, ecc. . Ognuno deve sentirsi libero di scegliere la strada che preferisce per realizzare il giardino che ha pensato. Alla fantasia non c’è limite, se poi avete come “ingredienti” gli oggetti che la natura offre, allora le possibilità sono davvero infinite ma ricordate di impiegare anche un po’ di buon senso.
  2. Per prima cosa, riempite il contenitore scelto con compost e terriccio, cercando di compattarlo leggermente.
  3. Iniziate a mettere a dimora le piante, cominciando da quelle di dimensioni maggiori. Fate un buco appena più grande del vaso originale della pianta, difficilmente avrete la possibilità di inserire un tutore per aiutare il nuovo albero a stare in piedi da solo.Inserite la pianta nella buca e premete delicatamente il terriccio vicino alla zolla. Per le talee, on occorrono palette o altri attrezzi da giardinaggio, è sufficiente usare un dito per fare un buco prima di posizionarle, ricordando di compattare appena il terriccio vicino alla buca.
  4. Seminate i semi che avete selezionato direttamente nel terriccio. Cospargetevi sopra un sottile strato di terriccio sopra i semi.
  5. Prima di proseguire, bagnate adeguatamente le piante appena messe a dimora. Abbiate la cura di farlo in un luogo dove l’acqua in eccesso non crei disagi o sporco. In presenza di semi o piccole tale, sarebbe meglio impiegare un nebulizzatore per evitare di creare danni o spostare il terriccio fresco.
  6. Create sentieri, camminamenti, recinzioni, piccole case o rimesse degli attrezzi, ponti e laghetti con gli oggetti che abbiamo descritto sopra.
  7. Per animare la scena, inserite per ultimi i personaggi che desiderate.
  8. Una volta completato il piccolo giardino in miniatura, dovete trovare il luogo ideale della casa o del giardino dove posizionarlo. Il posto migliore dovrebbe essere un davanzale luminoso o un punto caldo e con una buona illuminazione in casa.
  9. Come tutti i giardini, anche un giardino in miniatura è un organismo vivente che richiede cure, attenzioni e, soprattutto, innaffiature regolari. Diversamente, avrete fatto un lavoro che durerà solo pochissimi giorni. Anche le potature sono importanti, altrimenti, in poco tempo avrete non più un giardino in miniatura ma una cespuglio disordinato.

Suggerimenti e consigli

Una volta che avete costruito il vostro piccolo giardino, potete chiedere ai vostri figli di usarlo come la scena per dar vita ad una storia magica e creativa. Non limitatevi a costruirne uno solo ma siate curiosi e capaci di migliorare le vostre abilità.

Una nuova sfida è quella di crearne uno per ogni periodo dell’anno, che racconti i colori e le forme che si alternano con l’avvicendarsi delle stagioni. Provate a piantare dei bulbi primaverili, ad aggiungere piccole fioriture estive, ad avere bacche colorate per l’autunno e a creare una distesa naturale dai caldi colori dell’inverno.

Se conservate il piccolo giardino all’esterno, potreste inserirvi alcune piante capaci di attrarre gli insetti impollinatori come api, farfalle e bombi.

L’innaffiatura deve essere fatta lentamente, con getti d’acqua leggeri e delicati. Potreste danneggiare le giovani piante appena radicate.

Siete pronti per iniziare, sarà solo sufficiente aspettare una bella giornata di sole!

Lascia un commento

0