I concetti di “restauro” e di “giardini storici” come opera d’importanza storica e artistica da tutelare in quanto parte del patrimonio dell’umanità, sono relativamente recenti e si diffondono più che altro nel secolo precedente al nostro.

In generale nelle epoche passate i progetti originari venivano semplicemente sostituiti per rinnovamento con i layout dettati dalle mode del momento, senza badare al loro valore estetico e di testimonianza di un’epoca, come ad esempio nel XVIII secolo, quando molti giardini all’italiana furono rimpiazzati con i nuovissimi giardini all’inglese.

All’inizio del ’900 paesaggisti e giardinieri iniziarono a considerare nei loro interventi l’aspetto filologico di questi progetti, cercando di rimanere fedeli all’origine dell’opera con la sostituzione e l’utilizzo di specie vegetali riprese dai disegni originali dell’autore del giardino e comunque coerenti con l’impianto architettonico esistente. Al concetto di “restauro dei giardini storici” corrispondeva sempre di più il concetto di “ripristino e ricostruzione

Oggi giardini e parchi storici vengono considerati alla stregua degli altri beni culturali come patrimonio rilevante da censire e preservare, anche attraverso quei vincoli e leggi che regolano le modalità di protezione, di sostituzione e di manutenzione delle specie vegetali come di architetture e manufatti esistenti.

In genere sono considerati beni storici da proteggere le aree verdi annesse alle ville storiche o alle grandi proprietà nobiliari, quelle che ospitano orti botanici e parchi urbani, o tutti quei giardini d’interesse storico che ornano cimiteri, chiostri, siti archeologici, o anche i giardini privati secolari.

È per questo importante affiancare a studiosi del restauro, storici paesaggisti ed esperti geologi e botanici maestranze e figure operative competenti come i giardinieri formatisi in corsi specialistici, o che hanno già lavorato a progetti specifici di recupero e manutenzione di parchi storici.

A questo proposito mi sento di segnalare due realtà che conosco personalmente molto attive in una regione come la mia – la Toscana – indubbiamente ricca di tenute storiche, ville rinascimentali e giardini all’italiana: si tratta dei corsi per giardiniere specializzato in giardini e parchi storici organizzati ogni anno dall’Associazione “Per Boboli” in collaborazione con la Soprintendenza e l’Università www.associazioneperboboli.com  e anche dalla Società Toscana per l’Orticoltura www.societatoscanaorticultura.it

Per approfondimenti sulla storia del restauro dei giardini storici vi segnalo infine il libro di Marco Vannucchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi saperne di più?

Richiedi il migliore servizio per il tuo giardino!

Richiedi una consulenza