Tutto quello che serve sapere per selezionare, piantare, far crescere e prendersi cura della Campanula

L’autunno è il momento migliore per osservare con attenzione quello che è successo in giardino durante la primavera e l’estate. Quali sono le piante che hanno funzionato meglio e quali quelle da sostituire nella prossima stagione, per la formazione di aiuole fiorite, bordure miste e composizioni in vaso con fioriture a scalare. Possiamo capire, in questi giorni, molto bene le piante perenni, la loro crescita, la fioritura, la complessità o meno della loro manutenzione. Alcune di queste, come l’Ipomoea, sono anche rampicanti. Per aiutarle nella crescita, dobbiamo costruire delle strutture di supporto, che in questa stagione possiamo controllare. Vedremo così se le nostre abilità costruttive possono essere migliorate o sono sufficienti per creare triage o grigliati per le nostre rampicanti stagionali e no (rose, glicine, dipladenie, ecc.).

Abbiamo più tempo per sfogliare riviste e pubblicazioni di giardinaggio, per cogliere idee e consigli. Forse una pianta con una forma, un’altezza o un colore diverso, potrebbe migliorare l’effetto d’insieme di quella bordura o l’insieme di quei vasi nell’angolo del terrazzo.

In tutto questo cercare vale la pena considerare anche le Campanule. Una famiglia di piante molto ampia (Campanulaceae), anche se talvolta trascurata. I colori dei loro fiori vanno dal blu, al viola e anche al bianco, sempre molto apprezzati, quando sono presenti, per le note luminose che danno alla composizione.

Il genere Campanula è originario dell’Europa Orientale e Meridionale, alcune provengono dalle Alpi, altre, invece, dall’Asia. Per capirle meglio, possiamo dividerle in tre grandi gruppi: esemplari piccoli di provenienza alpina, adatti a giardini rocciosi o roccaglie; esemplari di dimensione media, con altezze variabili dai quindici ai trenta centimetri, con fioriture da giugno ad agosto e, infine, quelli più alti ancora, ideali per la parte terminale di aiuole fiorite o per fiori da taglio.

Le caratteristiche della Campanula

campanula-2Il nome Campanula, è dovuto alla forma dei fiori di queste simpatiche piante, notoriamente a forma di campana. Sono piante erbacee, anche se alcune varietà hanno consistenza legnosa. Il tipico fiore di Campanula è tubolare e a forma di campana, in genere composto da cinque petali, uniti alla base e svasati verso l’esterno.

Quasi tutte le varietà, hanno una linfa dalla consistenza lattiginosa. E’ importante non confondere la Campanula, con il Platycodon grandiflorus. Quest’ultimo appartiene alla famiglia delle Campanulaceae ma al genere Platycodon e proviene dall’Estremo Oriente. Per il giardiniere professionista o per il semplice giardiniere hobbista, questa informazione è molto utile perché il Platycodon per crescere bene, ha bisogno di una esposizione a pieno sole, mentre le Campanule vivono bene, con abbondante vegetazione e fioritura, anche in una posizione semi ombreggiata.

Le condizioni ideali per coltivare le Campanule, si hanno in luoghi dove le notti sono fresche e le temperature del giorno sono moderate e non eccessive. Un terriccio ricco di sostanza organica lo si consiglia per ottenere campanule più rigogliose, ancora meglio se con pacciamatura durante la stagione estiva. Per mantenere le piante sane, di bell’aspetto e vigorose, sarebbe utile dividerle ogni due o tre anni.

I primi fiori di Campanula iniziano a sbocciare a giugno, per poi continuare a luglio e ad agosto. Alcune varietà protraggono la loro fioritura fino ad ottobre. Quando mettete a dimora una campanula in giardino o in vaso, avrete la garanzia di avere colore ed allegria per tutta la sua fioritura, con abbondanza di luce e colori. Le varietà dalle dimensioni ridotte sono consigliate per giardini rocciosi o per piccoli vasi, quelle più alte per il fondo di un’aiuola con fioriture miste.

Le varietà più comuni di Campanula

Le Campanule sono disponibili in oltre 250 varietà, tra annuali, biennali e perenni, con diverse tonalità di colore dei fiori e dimensioni delle piante. Se siete alla ricerca di una pianta coprisuolo, potrete selezionare le varietà a crescita più lenta e compatta. La maggior parte di queste inizia a fiorire a luglio e continua fino alla comparsa delle prime gelate autunnali.

Di seguito alcune delle varietà più popolari, che distingueremo in base all’altezza della pianta.

  • Varietà a crescita lenta e dal portamento compatto:
  • Campanula garganica, dai fiori color lavanda durante l’estate, di altezza di 5 cm.
  • Campanula carpatica, ha fiori più grandi della precedente, blu o bianchi, che appaiono in piena estate. Ha un’altezza di 8-10 cm.
  • Campanula carpatica ‘Bressingham White’, con fiori bianco puro e altezza di circa 15 cm.
  • Campanulacochlearifolia,necessità di maggiori cure e attenzioni, dalla lenta crescita, con piccoli fiori a campana pendenti, di colore blu o bianco e un’altezza di poco più di 7 cm.
  • Campanula moesiaca. produce grappoli di piccoli fiori, nei toni del blu, viola o bianco dalla metà alla fine dell’estate, talvolta fino all’inizio dell’autunno.

 

  • Varietà ricadenti:
  • Campanula isophylla, dalla fioritura abbondante di colore bianco o blu, tappezzante, molto indicata per vasi sospesi.
  • Campanula aucheri,si sviluppa a forma di cuscino, con lunghe code di fioritura, di colore blu o bianco, tra giugno e settembre.
  • Campanula muralis o Campanula portenschlagiana, produce moltissimi fiori, che coprono tutta la pianta, di color viola, da luglio a settembre. Indicata anche per posizioni ombreggiate, con altezza di circa 10 cm.
  • Campanula poscharskyana, regala una lunga fioritura, con fiori blu a forma di stella.

 

  • Varietà con piante di altezza media:
  • Campanula glomerata ‘Superba’, i suoi fiori sono portati in grappoli sferici, di un colore viola intenso, alta circa 60 cm.
  • Campanulapunctata ‘Rubriflora’, ha una fioritura insolita, con lunghe campane ricadenti, di colore rosa-viola, puntinato, di altezza di 30 cm.

 

  • Varietà con piante a crescita rapida e sviluppo verticale:
  • Campanula latiloba alba, dalle lunghe spighe di fiori a forma di stella, di colore bianco, con altezza dai 50 cm ad 1 m.
  • Campanula media,con fiori grandi di colore rosa, bianchi o blu, presenti sulla pianta da maggio a giugno.E’ una pianta biennale, di altezza dai 50 cm ad 1 m.
  • Campanula lactiflora, dai fiori numerosi, composti in grappoli appariscenti, di colore rosa, blu o bianco e altezza superiore al metro.
  • Campanula persicifolia, con fiori in bianco o in blu. E’ una varietà da giardino molto comune. Tra le sue caratteristiche c’è quella di essere quasi infestante, con un’altezza di circa 90 cm.
  • Campanula latifolia o Campanula gigante,ha grandi campanule a forma di stella e raggiunge un’altezza da 1,2 a 1,5 m.

Come prendersi cura della Campanula

La Campanula è una pianta che si adatta molto bene a diverse condizioni di coltivazione, discretamente rustica, in grado di resistere a inverni con temperature basse, o estati con condizioni di caldo intenso. Se però, volete avere delle piante sane e rigogliose, meglio scegliere la posizione in giardino o terrazzo, in base alla regione in cui vivete. Si adattano bene anche a terreni con forte acidità. Dopo che le piante si sono abituate al loro nuovo habitat, possono tollerare bene anche periodi con scarsa piovosità.

campanula-3La riproduzione della Campanula può avvenire tramite rizomi oppure con la semina. Per ottenere i risultati migliori, si consiglia di piantare i piccoli semi in vaso, in luogo riparato alla fine dell’inverno, altrimenti, in piena terra, all’inizio della primavera, per evitare le gelate tardive. Nelle prime fasi della crescita, il terreno deve essere mantenuto appena umido ma mai bagnato.

Le Campanule richiedono poca manutenzione. Questo le rende molto interessanti per il giardiniere con poco tempo e un po’ distratto. Anche con poca esperienza, è possibile riuscire a coltivare delle campanule con buoni risultati.

Le campanule producono, in genere, fioriture prolungate. Per restituire alla pianta nuova vigoria, come già detto sopra, si consiglia, ogni due o tre anni, dividere la pianta. Questa operazione dovrebbe essere eseguita alla fine dell’inverno, per avere condizioni climatiche che facilitino la radicazione delle nuove piante. Alcune campanule, producono una gran quantità di semi. Per questo motivo possono essere anche invasive. Per evitare il problema, è opportuno rimuovere i fiori appena sono sfioriti, per impedire che producano i semi.

Se volete posizionare una campanula in casa, sicuramente la terrete in vaso, a meno che non abbiate delle fioriere fisse capienti in casa o un giardino d’inverno. Accertatevi che il vaso o la fioriera, abbia un drenaggio funzionante, per evitare ristagni idrici e marciumi radicali.

Una posizione in interno con una buona illuminazione, farà sì che la pianta cresca sana e vigorosa, dato che le campanule prediligono esposizioni soleggiate. Se non avete un luogo simile nella vostra abitazione, potrete sopperire con una o più lampade adeguate per l’illuminazione delle piante. Dovrete lasciare accese queste luci per almeno dieci ore al giorno, almeno per i mesi invernali, generalmente con minore irraggiamento solare.

Ricordate di mantenere il substrato di coltivazione umido, con innaffiature regolari, evitando di farlo diventare uno stagno.

Per ottenere campanule con foglie verdi e abbondanti fioriture, dai colori brillanti, non dimenticate di somministrare del fertilizzante, liquido se avete piante in vaso, in grani con piante in terra, almeno una volta al mese. Ricordate di ridurre irrigazioni e concimazioni durante i mesi invernali, quando la pianta riduce la sua funzionalità.

In interno e in giardino, posizionate le campanule dove è presente una buona circolazione d’aria. Da questo le piante troveranno giovamento, anche perché così saranno ridotte alcune patologie possibili.

Le campanule non richiedono grandi potature. Si consiglia di rimuovere i fiori dopo la fioritura. Per avere migliori risultati, dopo l’inverno, potare la pianta a pochi centimetri dal suolo. Avrete così nuove ramificazioni con foglie sane e splendenti.

Se riuscirete a ricordarvi e a mettere in pratica anche solo la metà delle indicazioni che ho illustrato sopra, dovreste riuscire, lo stesso, a dare colore e luminosità al vostro giardino, alla vostra casa o al vostro ufficio. Buon giardinaggio

Lascia un commento