Tutto questo parlare dell’eclissi solare del 20 marzo 2015 e del particolare allineamento astronomico di sole e luna di quel giorno, mi ha suggerito il tema delle fasi lunari e delle tradizioni che in campagna ne legano l’influenza a semine, potature e raccolti.

La secolare consuetudine contadina come la più recente agricoltura biodinamica assegnano da sempre un ruolo fondamentale alle fasi della luna nella pianificazione delle attività agricole e della coltivazione dell’orto, nonostante che non vi siano prove scientifiche a sostegno di queste tesi. Del resto l’indicazione della fase lunare per seminare è riportata sulle buste di molti semi in commercio e su diversi manuali di orticoltura e vita di campagna.

Teorie e credenze alla base della tradizione del calendario lunare

Chi segue con puntiglio il calendario lunare è convinto prima di tutto che la luce della luna possa influire positivamente sulla germinazione dei semi perché penetrerebbe agevolmente nel terreno, al contrario di quanto succede con la luce solare; si sostiene inoltre che le fasi lunari interferiscono coi ritmi biologici e – come succede con le maree – in particolare con la circolazione della linfa delle piante, la quale in tempo di luna crescente tenderebbe a salire verso l’alto, favorendo la spinta vegetativa, i raccolti, e la semina di piante da frutto o da fiore od ortaggi che crescono sopra il terreno, mentre in tempo di luna calante la linfa precipiterebbe verso le radici, favorendo attività quali i trapianti (per una migliore radicazione) e la semina di ortaggi e tuberi che crescono sotto terra (come patate, cipolle, carote e bulbi dei fiori) e delle verdure a cespo come la lattuga, per evitare che fruttifichino troppo presto rendendo meno tenere e compatte le foglie.

In realtà il solo effetto della luna sulle piante scientificamente riscontrato è quello di un leggerissimo fototropismo, che può indurre alcune piante a flettersi verso la sua tenue fonte luminosa come fanno i girasoli verso il sole.

fasi lunari e lavori nell'orto

Rudolf Steiner e l’agricoltura biodinamica

Nel 1924 in occasione di un corso per gli agricoltori Rudolf Steiner, il fondatore dell’agricoltura biodinamica, teorizzò che i cicli biologici delle piante fossero il risultato dell’azione dei fenomeni studiati dalla fisica e dalla chimica in sincronia le “forze formatrici cosmiche” influenzate dal comportamento di luna e pianeti. Negli anni ’50 la sua teoria fu messa addirittura in relazione con l’astrologia. Nel 1973, l’Università del Kazan (URSS) creò una cattedra apposita sulle influenze lunari.

Tornando a noi, per conoscere le attività agricole consigliate nei periodi delle diverse fasi della luna leggi il secondo post in arrivo o scopri come posso aiutarti nella gestione del tuo orto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi saperne di più?

Richiedi il migliore servizio per il tuo giardino!

Richiedi una consulenza
×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× Ti serve aiuto?