hugelkultur

Vi piace sperimentare tecniche diverse e originali di giardinaggio? Forse qualche volta avete sentito parlare di permacultura sostenibile?

O ancora, come accade a molti di voi, coltivate erbe aromatiche, fiori e verdure in aiuole tradizionali, costruite con assi o pali di legno, chiodi e viti, riempite con terriccio di diverso tipo, torba e compost. Tuttavia, esistono anche altri modi per realizzare delle aiuole rialzate ed è una tecnica che esiste da centinaia di anni, molto più sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

Che cos’è l’Hügelkultur?

Quando ho sentito questa parola per la prima volta, non avevo la minima idea di che cosa fosse. Allora ho cercato in rete e su alcune pubblicazioni specializzate è ho trovato la risposta alla mia domanda. La Hügelkultur è una tecnica di coltivazione che fa uso di aiuole rialzate. In questi tumuli le piante di ogni tipo, dalle perenni agli ortaggi, vengono coltivate su letti rialzati, i quali hanno una forma simile a quella di una piccola collina. Il termine è apparso per la prima volta nel 1962, in un opuscolo di giardinaggio creato dal botanico Herman Andrä.

hugelkulturIl termine “Hügelkultur”, pronunciato HEW-gul-kul-TOOr, in tedesco significa coltivazione su una forma di collina. Questa tecnica di aiuola rialzata, tra i suoi pregi ha quello di resistere alla scarsità di acqua e di essere realizzata senza la necessità di effettuare scavi profondi. Alla base di tutto troviamo il processo naturale di decomposizione del legno e degli scarti della manutenzione del giardino che viene utilizzato per creare quello che è essenzialmente un cumulo di compost sul quale si stende un letto di coltivazione per le piante del giardino.

In parole povere, Hügelkultur è una tecnica di giardinaggio nella quale si costruiscono delle aiuole rialzate, realizzate con materiali compostabili, appoggiati sopra a grandi tronchi. In questo modo si crea un tumulo ricco di sostanze nutritive sopra il quale è possibile coltivare quasi ogni tipo di piante. La forma tipica di un tumulo ha lo scopo di far sì che sia facilitata la formazione di sostanze nutritive dalla decomposizione della sostanza organica e di trattenere più a lungo l’umidità. Se la studiate con attenzione, la Hügelkultur è una tecnica di giardinaggio efficiente, sostenibile e che richiede poco lavoro fisico. E’ un modo intelligente per creare un substrato sul quale crescere a lungo le vostre piante, con abbondanza di nutrienti.

La storia della Hügelkultur

Alcuni popoli dell’antichità usavano questa tecnica con buoni risultati in climi con scarse precipitazioni atmosferiche. Ad esempio, gli abitanti del Camerun settentrionale utilizzano una versione personalizzata di Hügelkultur da migliaia di anni.

Per molti secoli, l’agricoltura è stata praticata principalmente dalle donne, mentre gli uomini si occupavano, della caccia, della pesca e della guerra. L’abbattimento degli alberi nella foresta veniva eseguito fisicamente dagli schiavi. Le donne usavano gli alberi caduti per creare enormi tumuli da sfruttare come base per la costruzione di letti di semina per l’orto, in determinati periodi dell’anno.

I nativi americani sfruttavano questa tecnica migliaia di anni fa. All’inizio si trattava di cumuli veri e propri di spazzatura, che venivano ricoperti di terra per limitare lo svilupparsi dei cattivi odori.

Una volta che il vecchio cumulo era completo, se ne costruiva uno nuovo. Pian piano gli agricoltori si accorsero che le piante che crescevano dai semi che venivano gettati o che cadevano spontaneamente su queste piccole colline ormai consolidate, crescevano sane e lussureggianti. Inoltre, richiedevano poche attenzioni e necessitavano di poca acqua.

Quali sono i vantaggi di utilizzare la Hügelkultur in giardino o nell’orto

Il legno e gli altri scarti della manutenzione del giardino che si decompongono ospitano funghi benefici, batteri, insetti, lombrichi, oltre a molti altri microbi. Tutti questi organismi producono, come risultato delle loro attività, sostanze nutritive che possono essere facilmente usate dalle piante che vengono coltivate sopra il tumulo. Con il passare del tempo, il volume del cumulo pian piano diminuisce a causa della decomposizione del materiale contenuto all’interno. Per sopperire a questa riduzione delle dimensioni, potete aggiungere regolarmente terra o compost sulla sommità. In questo modo, si cerca di mantenere in equilibrio un ecosistema in cui crescono e si riproducono gli organismi benefici del terreno.

La Hügelkultur è conosciuta per lo più tra i giardinieri che hanno avuto problemi con terreni ricchi di argilla pesante oppure con suoli poveri o compatti. Si possono evidenziare più aspetti positivi nell’usare questa tecnica di giardinaggio. Vediamone meglio alcuni:

  1. Si eliminano i materiali naturali ingombranti presenti in giardino.

Se decidete di costruire un grande cumulo con tronchi, rami e foglie, avete trovato il sistema migliore per eliminare il legno prodotto nella potatura di alberi e arbusti secchi o danneggiati, oltre agli scarti della manutenzione del giardino. Inoltre, è possibile utilizzare anche l’erba tagliata e gli avanzi della cucina ma con alcune attenzioni in più.

  1. I cumuli creati con la Hügelkultur forniscono continuamente nutrienti alle piante.

Visto che per degradare i tronchi di grandi dimensioni occorre molto più tempo di quanto ne occorra per le potature di alberi e arbusti, questi riescono a fornire un apporto naturale di sostanze nutritive alle piante per diversi anni.

Avete mai sentito parlare di tecniche di giardinaggio o di coltivazione che non fanno uso di vanghe, aratri o attrezzi simili. Quello che stiamo descrivendo è lo stesso principio. L’unica differenza è dovuta al fatto che nei giardini dove non si fa uso della vanga, è necessario comunque fornire periodicamente del nuovo materiale per pacciamare aiuole o letti di coltivazione allo scopo di stimolare la formazione continua di nuova sostanza organica.

In un giardino realizzato secondo la Hügelkultur, i tronchi, degradandosi lentamente, rilasciano continuamente sostanze nutritive nell’area circostante. Se avete a disposizione tronchi di alberature che crescono lentamente, come querce, aceri o meli, il cui legno è più lento a decomporsi, è consigliabile usarli come tronchi per la base del cumulo.

  1. Prolungare la stagione di crescita.

In un altro post di questo blog abbiamo parlato di come realizzare una compostiera e un cumulo di compost. In quel caso, abbiamo visto che, all’interno del cumulo il calore aumenta quando inizia il processo di compostaggio. Lo stesso meccanismo si innesca anche all’interno di un cumulo realizzato secondo la Hügelkultur. In questo caso, quando il cumulo si riscalda dall’interno, aumenta la temperatura anche del terreno circostante. Come diretta conseguenza di questo fenomeno, si ottiene un allungamento dei tempi per la coltivazione delle piante, le quali avvertiranno in misura minore l’effetto del freddo dell’autunno.

Infatti, molte piante da orto e da giardino prosperano solo se il terreno ha una temperatura non troppo bassa. Poiché i cumuli che si costruiscono con questa tecnica hanno temperature interne più alte rispetto al terreno circostante, riescono a creare un microclima più favorevole allo sviluppo delle piante sia all’inizio che alla fine della stagione vegetativa.

Questa è un’ottima notizia per coloro che coltivano orti o curano giardini in regioni in cui le temperature scendono velocemente in autunno e tardano a risalire all’inizio della primavera.

  1. Minor utilizzo di acqua per la coltivazione.

In alcune regioni d’Italia, come in molti altri paesi del mondo, le precipitazioni atmosferiche non sono così abbondanti e frequenti da rendere facile la coltivazione di molte piante. In queste condizioni climatiche e con terreni poveri le sfide anche per i giardinieri più esperti possono essere incredibilmente impegnative.

Dal momento che i cumuli costruiti in Hügelkultur trattengono tanta acqua, non è necessario realizzare un impianto di irrigazione specifico per aggiungere umidità in quantità. Per questo motivo questa tecnica, come abbiamo visto sopra, è popolare nelle regioni con climi secchi.

Se state cercano una tecnica di giardinaggio sostenibile e rispettosa dell’ambiente l’Hügelkultur potrebbe essere la soluzione più indicata per voi. E’ necessario annaffiare le piante messe a dimora sul cumulo solo nel primo anno di vita, così che riescano a sviluppare un apparato radicale ben ramificato e che scende in profondità. Infatti, durante il primo anno, la materia organica messa all’interno del tumulo assorbe la gran parte dell’acqua che somministrate e qui viene immagazzinata.

Dopo il primo anno, non dovrebbe essere necessario innaffiare il vostro orto o giardino così realizzato più di una volta per stagione, a meno che non siate in presenza di particolari condizioni siccitose.

  1. I giardini rialzati sono più facili e meno faticosi da coltivare e curare.

I giardinieri esperti e gli amanti del giardinaggio e dell’orto sanno bene che fare giardinaggio costa fatica. Piegarsi per scavare, raccogliere, pulire è faticoso per le gambe e, soprattutto, per la schiena.

I giardini realizzati in Hügelkultur sono molto più comodi da mantenere di un giardino con aiuole tradizionali. In media un cumulo è alto almeno un metro. Lavorare su una superficie rialzata è molto più facile e molto meno faticoso. Le articolazioni del giardiniere ringrazieranno sicuramente.

Ulteriore vantaggio di questa tecnica è che può essere impiegata facilmente per orti e giardini didattici per persone con disabilità. In questo caso dovete avere l’attenzione di lasciare spazio sufficiente tra un cumulo e l’altro per rendere più semplici i movimenti in caso di presenza di sedie a rotelle.

  1. Sono giardini che si adattano facilmente ad ambienti diversi.

I giardini realizzati in Hügelkultur non hanno limitazioni di luogo o posizione per la loro costruzione. Hanno un’ottima riuscita in regioni con climi asciutti per l’effetto spugna che creano e sono indicati per le zone a clima freddo per le temperature interne più alte della media. Non avrete difficoltà a coltivarli dalla Valle d’Aosta alla Sicilia.

Quali sono i tipi di legno da usare in un giardino in Hügelkultur?

Non tutti gli alberi hanno le stesse caratteristiche di crescita e di adattamento alle condizioni del clima e del terreno. Questo si riflette sulla loro crescita e sulle peculiarità del legno che producono. Come esistono legni più adatti di altri per ottenere eccellente legna da ardere, allo stesso modo esistono delle alberature da consigliare per realizzare i cumuli per i giardini in Hügelkultur.

hugelkulturQuali alberi dovreste preferire? La specie migliori sono quelle che appartengono alla maggior parte delle specie di latifoglie. A prescindere dalla specie, se potete scegliere, preferite le piante con i tronchi che sono già secchi, quelli che stanno iniziando a marcire o quelli che sono stati abbattuti da diverso tempo. In questo modo, il processo di decomposizione è facilitato, così come la crescita delle piante sopra il cumulo.

Ecco solo alcune delle specie da preferire per ottenere il materiale più grossolano:

Tra le specie da evitare, da segnalare:

  • Juglans nigra. I tronchi contengono nel legno lo juglone, un composto allelopatico, che inibisce lo sviluppo di altre specie. Fa eccezione in questo caso la coltivazione della Papaya.
  • Robinia pseudoacacia,
  • Cedro, anche questa è una pianta allelopatica, ricca di erbicidi e pesticidi naturali, oltre che di agenti antimicotici e antimicrobici, ovvero capaci di inibire la crescita e lo sviluppo di giovani piantine nelle vicinanze, nonché di microbi e insetti benefici.
  • Canfora (Cinnamomum camphora), vale lo stesso del Cedro.
  • Prunus serotina, come sopra.
  • Pinus in varietà, come sopra.
  • Ailanthus altissima, il legno trasuda sostanze naturali che fungono da potenti erbicidi.

Come costruire un giardino in Hügelkultur

Se state pensando di progettare un giardino in Hügelkultur, è importante scegliere bene il luogo ideale. Dovreste preferire una superficie pianeggiante, ben esposta alla luce del sole, lontana dall’ombra prodotta da grandi alberature.

Evitate di prediligere aree in prossimità di linee elettriche o condutture del gas interrate. Vediamo adesso come procedere nella costruzione dei tumuli.

  • Rimuovete lo strato di terreno inerbito e raccogliete il materiale prodotto. Usate una vanga ben affilata per delimitare il perimetro. Non gettate il materiale di scarto, lo userete all’interno del cumulo. A questo punto raccogliete tronchi e rami delle dimensioni necessarie alla creazione del cumulo delle dimensioni che desiderate.
  • Scavate una trincea. Una volta che avete liberato il terreno, potrete decidere se scavare o meno una trincea per accogliere parte dei tronchi. Secondo alcuni questo passaggio è necessario per la costruzione del cumulo. Secondo altri è sufficiente appoggiare tronchi e rami più gradi sul terreno pulito. L’avvallamento nel terreno favorisce la stabilità dei tronchi nel tempo e, in parte, l’accumulo di una riserva d’acqua.
  • Posizionate i tronchi e bagnateli abbondantemente. A questo punto potete aggiungere materiale organico ma di grandi dimensioni. Scegliete la soluzione che vi consente di aggiungere più materiale possibile. Ricordate che maggiore è la quantità di materiale che andate ad aggiungere adesso, più a lungo avrete a disposizione nutrienti per le vostre piante e migliori saranno le loro condizioni di crescita. Assicuratevi di bagnare con cura tutto il materiale prima di aggiungerne altro. Non abbiate paura di esagerare, è meglio che si formino delle piccole pozzanghere d’acqua piuttosto che rischiare di non avere acqua a sufficienza.
  • Procedete con la costruzione del cumulo. Una volta che i tronchi sono stati sistemati e bagnati a sufficienza, è possibile procedere ad impilare il resto dei materiali sopra di essi. I tronchi sono ricchi di carbonio. Proprio come avviene nei cumuli di compost, questi cumuli devono avere un buon mix di carbonio e azoto per creare un buon equilibrio di nutrienti. Nel caso in cui l’azoto non sia sufficiente, i tronchi ad alto contenuto di carbonio lo bruceranno durante la decomposizione. Per questo motivo dovete ricordarvi di aggiungere sufficienti materiali ricchi di azoto durante la costruzione del cumulo. Cercate di limitare le quantità di foglie morte e aumentate gli sfalci del prato, le foglie verdi appena tagliate e gli scarti di cucina solo a base di vegetali. Se ne avete a disposizione, aggiungete del letame maturo.
  • Ricoprite tutto con terra di coltivo. Infine, completate il cumulo con circa 5/8 cm. di terra di buona qualità e uno strato di pacciamatura.

Non abbiate paura di realizzare un cumulo troppo alto. Questo vi renderà più facile piantare e lavorare, proprio come in un’aiuola rialzata. Avrete più spazio a disposizione per coltivare tutte le piante che preferite su entrambi i lati e sulla parte superiore.

Così il cumulo è in grado di trattenere un maggiore quantità di umidità, richiedendo molta meno acqua del resto del giardino realizzato in modo tradizionale.

Che cosa piantare in un giardino in Hügelkultur

A questo punto è giunto il momento di mettere a dimora o seminare le piante che avete selezionato per il vostro orto o giardino in Hügelkultur.

Prima di andare avanti, osservate con attenzione come si muove la luce del sole nel corso della giornata sul cumulo. In questo modo saprete bene quali punti ricevono più sole e quali sono maggiormente in ombra. Meglio ripetere l’operazione durante le diverse stagioni.

Conosciuto meglio l’andamento della luce, potete procedere con la messa a dimora. Come avviene in tutti i giardini, in breve tempo noterete che alcune piante crescono meglio sui tumuli rispetto ad altre.

Se volete realizzare un orto o un orto/giardino, evitate di piantare in prevalenza ortaggi con grandi radici profonde, come le patate. Se preferite radici e tuberi, scegliete le piante che ne hanno di piccole dimensioni, come i ravanelli o piccole carote.

Credo che non incontrerete particolari difficoltà nella coltivazione di pomodori, peperoni, melanzane, cavoli, verdure a foglia verde, aglio, erbe aromatiche e piccoli cespugli di bacche.

La parte superiore del tumulo è il punto più profondo e allo stesso tempo quello con minore quantità di acqua a disposizione. Questo è il luogo migliore per mettere a dimora piante con apparati radicali più profondi e sviluppati. Lo stesso vale per piante che necessitano di minori quantità di acqua e preferiscono terreni ben drenati. Ne sono un esempio timo, origano e santoreggia.

Preferite piantare le piante amanti del sole nei punti più soleggiati. Non sprecate una buona occasione per approfondire le vostre conoscenze sulla consociazione di piante.

Mette piante alte in prossimità del fondo del tumulo. Fornirà loro una maggiore stabilità per le radici, oltre a facilitare il mantenimento dell’umidità alla base del cumulo.

Per il lato ombreggiato preferite piante con portamento compatto e che richiedono meno luce.

Nelle zone intermedie, tra la prevalenza di luce e di ombra, optate per piante che prosperano in condizione di sole parziale ma che hanno bisogno di più umidità.

Assicuratevi di di piantare ogni centimetro del cumulo e non lasciare parti di terreno scoperte. Ogni centimetro che lascerete privo di vegetazione sarà un’ottima occasione per l’insediamento di malerbe. Non dimenticate mai di mettere a dimora piante che piacciono per gli insetti utili e per gli impollinatori e piante che attraggono le api.

Nel caso abbiate dei dubbi, guardatevi intorno e cercate di dare spazio alle piante autoctone che prosperano in zona. Tutte le piante con fiori autoctoni attireranno api e farfalle per uno spuntino.

Non tutte le piante si comportano allo stesso modo in un giardino o in un parco. Alcune specie sono più resistenti, altre più delicate. Se non vi sentite troppo sicuri nella cura del vostro parco, giardino o terrazzo, cercate l’aiuto di un giardiniere professionista esperto per prendersi cura del vostro giardino, contattatemi.

Se state cercando delle nuove piante, anche insolite, per il vostro parco, giardino o terrazzo, per dare colore, forma e struttura ai vostri ambienti, contattatemi. Insieme potremo capire i vostri desideri. Vedremo se il vostro spazio verde sia il luogo migliore per coltivarle con successo e quali saranno le condizioni per una crescita ottimale. Posso aiutarvi ad acquistarne una, a crescerla e a prendervene cura, in modo che prosperi e contribuisca a creare un ambiente sano e piacevole.

A questo punto, non vi resta che selezionare con cura quelle che preferite, comprarle, piantarle e condividere con noi le vostre esperienze verdi, lasciando un commento sul mio sito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi saperne di più?

Richiedi il migliore servizio per il tuo giardino!

Richiedi una consulenza