Piccoli giardini e terrazzi di città: un’estate diversa

 In verde urbano

Che cosa caratterizza spesso un giardino in città? Quasi sempre la mancanza di spazio e ancor più di luce, non avere alcuna vista emozionante, alte mura, spesso anonime, che lo circondano e lo rendono poco invitante.

Possono essere piccoli ma questo non impedisce che possano essere bellissimi spazi in cui rilassarsi e coltivare piante. Sono spesso in ombra e sovrastati da edifici vicini, in alternativa anche caldi e riparati. Una buona occasione per coltivare un’ampia gamma di piante interessanti che altrove, non riuscirebbero a vivere. Una tentazione che accomuna chi possiede un giardino del genere è quella di mettere insieme molte piante, anche diverse tra loro, per creare un ambiente accogliente. Il risultato finale, al contrario, è quello di avere disordine e caos. Per ottenere un aspetto pulito e ordinato è necessario limitare le varietà vegetali e anche i materiali da utilizzare.

Che aspetto ha il vostro cortile o giardino? Visto che il piccolo giardino di città, in genere, può essere visto per intero dall’interno della casa, sarebbe consigliabile renderlo un’estensione permanente dell’abitazione, con l’aggiunta di un’illuminazione adeguata e di elementi architettonici attraenti, così da poterlo utilizzare durante tutto l’anno.

Tra le alte e antiestetiche mura degli edifici circostanti, il giardino urbano, di base, non ha nulla di interessante, se non delle buone potenzialità. Mancanza di spazio e luce, umidità ovunque, terreno povero, condizioni quasi proibitive per la vita di molte piante. Come si può trasformare un piccolo giardino urbano in un grazioso salotto, accogliente, colorato, ricco di privacy? Con un po’ di abilità e buona volontà, si possono trasformare questi pochi metri quadrati in un luogo magico.

In un periodo di grandi incertezze, come quello attuale, dovuto alla pandemia mondiale di Covid19, l’estate è tempo di ferie per molte persone ma non per tutte. E’ il momento dell’anno in cui si può vivere e godere dello spazio all’esterno della casa: un terrazzo, un giardino, un balcone. Le dimensioni non contano, è importante utilizzare al meglio gli spazi per soddisfare le diverse esigenze di ognuno.

Delle piante possono aiutare molto quando si tratta di abbellire la vostra casa in città. Fiori e piante hanno molteplici vantaggi tra cui pulire l’aria, migliorare l’umore, emanare dolci note profumate, illuminare il vostro spazio. Inoltre, sono anche un elemento essenziale per completare una casa in una grande città, sia negli spazi esterni che in quelli interni.

E’ possibile trasformare un cortile ombroso e triste, con l’aiuto di alberi, arbusti ed erbe perenni o annuali, in un luogo giocoso e romantico. Se non avete il dono del pollice verde, potete sempre avvalervi dell’aiuto di un giardiniere esperto che saprà consigliarvi per realizzare quello che desiderereste tanto.

Suggerimenti per chi ha piccoli giardini o terrazzi in città

Si possono scegliere due strade per avere un balcone o un giardino ben curato e accogliente in città: avere una grande passione per il verde e volerlo costruire con le proprie mani, con piccoli aiuti esterni, oppure affidarsi a architetti del paesaggio e a sapienti giardinieri per ottenere una nuova stanza della casa da vivere con gioia ma senza sporcarsi le mani.

Nel caso siate appassionati ferventi del mondo del verde è molto utile imparare alcune nozioni semplici ma fondamentali per non cadere presto preda di fallimenti e frustrazioni. Cercate di avere una visione realistica del giardino, lasciando da parte le mille immagini e nozioni apprese in rete o viste sfogliando riviste patinate di settore. Fare giardinaggio può essere un hobby ma non privo di fatica: vanga, zappa, rastrello, forbici da potatura, segaccio, carriola, sacchi di terriccio, sacchi di foglie sono pesanti e richiedono un duro lavoro.

A compensare questi sacrifici, ci sono le grandi soddisfazioni ed il grande piacere che si provano nel veder crescere le piante messe a dimora e nel prendere forma il disegno che sognavate quando avete iniziato questa nuova avventura. Gli errori sono sempre dietro l’angolo e non sono fallimenti invalicabili ma solo fonte di nuovi stimoli e un modo diverso di imparare.

Il giardino nel tempo muta con noi e con le nostre esigenze. Avete acquistato la casa in cui vivete quando eravate solo una giovane coppia. Con il tempo sono arrivati figli o animali domestici. E ancora, con il tempo, le cose sono di nuovo cambiate e con esse il tempo e le energie da dedicare al verde si sono costantemente evolute con noi.

Sarebbe bello avere in giardino o sul terrazzo, in vaso, degli alberi o degli arbusti da frutto, che nel corso dell’anno diano sempre qualcosa da raccogliere: ciliegie, pesche, albicocche, kiwi, fragole, lamponi, ribes, mirtilli, ecc..

giardini e terrazziLe piante in genere, quelle da frutto in particolare, crescono velocemente non rimangono come le piantiamo. Possono essere colpite da afidi, cocciniglie, funghi e richiedono trattamenti che possono creare più problemi di quelli che dovrebbero risolvere. Le fragole, come la menta, in breve, mostrano il loro vero volto di piante quasi infestanti, capaci di colonizzare in breve ampi spazi, senza controllo. Il mirtillo diventa un arbusto dal portamento scomposto e poco adatto ad un piccolo cortile di città. Un albicocco, in pochi anni, prende le sembianze di una sequoia secolare e non più di un piccolo grazioso albero da frutto. Lo stesso accade con il diospero, che in autunno produce grandi quantità di frutti, impossibili da consumare per ognuno a meno che non si adottino diete fruttariane, mono frutto!

Alcuni di noi sono amanti delle novità o delle piante, da sperimentare ad ogni costo. Ma gli spazi liberi del giardino o del terrazzo urbano, in breve tempo si esauriscono. E’ il momento in cui compare un numero smisurato di vasi di ogni dimensione, forma e colore. Gli sforzi e le fatiche si moltiplica per seguire ogni esemplare con esigenze diverse di acqua, terriccio e luce. Il tempo a disposizione rimane sempre lo stesso o addirittura diminuisce. La curiosità ancora cerca spazio per fare nuovi tentativi con piante che non hanno niente a che fare con il genius loci. Terminano lo spazio, il tempo, la pazienza e altro. A questo punto nasce la necessità di mettere ordine in giardino, di rifare il giardino ex novo, facendo tesoro delle esperienze fatte e degli insegnamenti appresi. Si inizia una nuova avventura verde per la crescita e la maturità del giardiniere che è in noi.

Ovviamente, in alternativa, come detto sopra, vi potete affidare a giardinieri professionisti e ad architetti del paesaggio per ottenere giardini incantevoli, senza aver provato alcuna fatica. Dovete solo goderne i risultati ed affidarvi alle sapienti mani di un manutentore esperto per conservare correttamente quanto vi siete fatti costruire. Ma la soddisfazione che deriva dall’aver realizzato un giardino con le proprie mani è unica.

Idee per piccoli giardini o terrazzi in città

Ecco alcuni semplici consigli per chi possiede un piccolo spazio verde in città, che sia a terra (giardino) , su un terrazzo, su una parete (verde verticale) o su un tetto (giardini pensili).

  • La forma classica di un giardino di città ricorda, in genere, un rettangolo di terra, più o meno regolare, circondato da mura. Per fare dimenticare i confini poco interessanti della superficie ed interromperne la linearità, è necessario tracciare delle linee decise e ben definite e creare delle interruzioni visive, che diventeranno, successivamente, dei punti focali.
  • Un terrazzo con un albero con un portamento leggero o un’aiuola fiorita, rapisce velocemente lo sguardo del visitatore. Creare, a metà del giardino, una siepe disposta in diagonale, un laghetto o una vasca con dei pesci, i montanti di una pergola o un insieme di arbusti, interrompe la profondità dello spazio e crea una prospettiva diversa. Se creati con sapienza, questi elementi intermedi nascondono alla vista le reali dimensioni e la forma del terreno. Suggeriscono un alone di mistero e ritardano il piacere di accedere al resto del giardino, così da goderne in pieno ogni parte.
  • Per rompere la monotonia e dare armonia al piccolo giardino urbano, si può giocare sulle differenze di livello. Di nuovo è consigliabile ingannare l’occhio, creando nuovi piani con diverse altezze. Se la superficie del terreno ha una pendenza naturale, create diversi livelli con piccoli terrazzamenti. Se il terreno del vostro giardino è pianeggiante, aggiungete nuova terra per sollevare, anche di poco, un nuovo piano. Questa differenza di altezza darà l’impressione di una nuova parte di giardino, all’interno del precedente.
  • Cercate il coraggio di combinare materiali diversi per dare consistenza allo spazio. Scegliete rivestimenti con forme di piccole dimensioni, sia per superfici verticali che orizzontali, come mattoni, ghiaia o pavimentazioni, per coprire percorsi e terrazze. Riservate a grandi lastre di pietra o legno il compito di enfatizzare i contorni, segnare un passaggio o disegnare un nuovo livello.
  • Un giardino cittadino non è solo una superficie ma anche un volume. Per nascondere alla vista i confini del terreno, create masse di cespugli in successione. Selezionate piante sempreverdi, come bosso o ilex crenata potati in forma obbligata o skimmia, camelia o choisya in forma libera. Gli arbusti con foglie variegate in bianco o in giallo come aucuba, hosta, hydrangea, donano uce agli angoli ombrosi ma hanno bisogno di altre piante dal fogliame verde per essere evidenziati.
  • Per nascondere le pareti e gli elementi verticali indesiderati si possono sommergere di verde con un traliccio o un arco ricoperti da alberi potati ad hoc o con piante rampicanti. Se avete una pergola, sui montanti avvolgete clematide, caprifoglio, edera e, se avete una posizione soleggiata, rose rampicanti. Utilizzate piante perenni colorate e piante tappezzanti, con fogliame decorativo ai loro piedi.
  • Il piano del giardino di città deve essere osservabile dalla casa. Cercate di valutare tutti i punti di vista possibili della casa, dal piano terra, dal primo piano, da un piccolo terrazzo. Aiutatevi per disegnare meglio le forme del giardino con luci, ombre e pareti verdi. Riuscirete a delineare forme ben definite, come e dove volete, e far dimenticare i veri limiti della superficie a disposizione.
  • Più piccolo è il giardino, maggiore deve essere l’attenzione da porre nei dettagli della disposizione delle piante e degli elementi decorativi. Ad esempio, avere una fontana con vicino del bambù e un acero giapponese, vi trasporterà in Estremo Oriente. Uno specchio d’acqua porterà un’atmosfera inaspettata, un riquadro di erbe aromatiche e alcuni pomodori in vaso vi daranno un profumo di campagna.
  • Se non avete un giardino ma uno spazio aperto sopraelevato, fate che la natura venga in vostro aiuto, su una terrazza, un balcone o anche un semplice davanzale. Raggruppando alcuni vasi di grandi dimensioni, possibilmente in cotto di buona fattura, potrete facilmente creare uno spazio verde in grado di scandire le stagioni con i suoi cambiamenti.
  • Non dimenticate di scegliere le piante giuste per lo spazio che dovete decorare. Quando si scelgono alberi e arbusti in vivaio, tenete ben presenti quali saranno le loro dimensioni a maturità e le loro capacità ad adattarsi alle condizioni del vostro spazio verde: mancanza di aria e luce, terreno povero e compattato. La gamma di piante da ombra offre un’ampia possibilità di scelta.

Regole da non dimenticare

  • Favorite la vista del giardino dalla terrazza e dalle finestre della casa.
  • Nascondete i confini reali dello spazio a disposizione con piante sempreverdi.
  • Cancellate il centro del campo visivo naturale per crearne uno nuovo dove desiderate.
  • Evitate di usare l’erba e preferite pavimentazioni in legno, ghiaia, pietra e simili.
  • Selezionate dei materiali che ricordino quelli impiegati per la casa, per creare continuità.
  • Cercate di sollevare verso l’alto lo sguardo, facendovi aiutare da muri, pergole e recinzioni e da molte piante.
  • Valorizzate gli spazi più lontani del giardino con una panchina, uno specchio, ecc..
  • Create un giardino che viva nelle quattro stagioni e non solo in primavera. Fatevi aiutare da cespugli, erbe e piante perenni.

Con la realizzazione di giardini, terrazze, cortili e aree verdi in città preserverete la vostra privacy. Abbiate la fantasia e il coraggio di giocare con la luce e i materiali, di lavorare con lo spazio e la profondità. Abbiate sempre il massimo rispetto dell’ambiente, la cura dei dettagli, compresi le decorazioni, l’arredamento, l’illuminazione. Semplificare e limitare al massimo la manutenzione del giardino o del terrazzo aiuterà a valorizzarlo e ad apprezzarlo senza vederlo solo come un costo.

Immaginate il giardino come un punto dove il sogno e la realtà si incontrano, i luoghi in cui vivere, piacevoli da ammirare, che alimentano la mente e lo spirito.

Lascia un commento

1