“Granada, / città del sole e dei fior, / il mio canto è l’ultimo addio / d’un nostalgico cuor!” cantava Claudio Villa pensando all’Alhambra, un palazzo che come un pizzo abbellisce la città spagnola. A guardarlo bene è un pezzetto di Arabia o di Persia nel Sud dell’Europa. Il segreto della sua bellezza è custodito dai mori e dalle cime innevate della Sierra Nevada. Forse deve il suo nome (Alhambra in arabo significa “la rossa”) al colore dei mattoni che i musulmani usarono per costruire le mura esterne. Di certo appare come una città nella città: dentro ci sono bastioni, una fortezza, una cittadella, un complesso residenziale e soprattutto dei giardini. Esempi perfetti dell’architettura e della paesaggistica islamica.

 

alhambra giardino

 

Il lusso dell’acqua

Pensato come l’anticamera del paradiso, nell’Alhambra il giardino arabo porta in trionfo l’acqua: per rinfrescare l’aria e rilassare gli animi. Ma nell’Alhambra tutto è trionfo, tanto che per l’Unesco è tra i tre patrimoni mondiali dell’umanità nella città; le fanno compagnia il palazzo Generalife e il quartiere arabo di Albacin. La nostra attenzione è comunque tutta per il verde, per i giardini, per le fronde dei mirti che lambiscono la loggia. Per gli aranci e per il mirto che riempie gli spazi. A guardarli bene, questi alberi sembrano dei soldati: tutti alti uguali, tutti in fila a formare una architettura di finte colonne. Anche se negli anni hanno subito modifiche, quelli che possiamo ammirare oggi risalgono al 1931 e portano la firma dell’architetto Francisco Moreno. Quindi, è ovvio pensare che le piante non sono posizionate come erano all’origine. E neppure le varietà presenti rispecchiano il giardino moresco. Di originale c’è solo il sistema per canalizzare l’acqua.

 

alhambra

 

La nascita del patio

Ovunque è geometria e non c’è da stupirsi, considerato che il nome arabo del giardino è “rawda” che significa “addestrare”. Ed ecco dunque che il giardino si fa patio, presentando al centro una fontana o un laghetto, incorniciato da alberi sempreverdi e profumati come le piantagioni che impreziosiscono l’Alhambra a il Generalife a Granada. Basta vedere la vasca centrale della Corte dei Mirti e la Corte dei Leoni: entrambi pensati come due enormi tappeti.

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vuoi saperne di più?

Richiedi il migliore servizio per il tuo giardino!

Richiedi una consulenza
×

Hello!

Click one of our contacts below to chat on WhatsApp

× Ti serve aiuto?