Agapanthus, coltivazione, cura, fioritura e tipologie

L’Agapanthus appartiene alla famiglia delle Liliaceae, al genere Agapanthus. E’conosciuto anche con il nome comune di AgapantoAmarillide turchina, giglio del Nilo giglio africano.  Originaria del SudAfrica, ha visto la sua diffusione nei giardini europei verso la fine del 1600. La gran parte delle varietà che si trovano comunemente in commercio, sono ibridi da giardino, creati nel corso degli anni da ibridatori e appassionati del genere.

Tra le molteplici tipologie disponibili, alcune sono a foglia decidua, mentre altre mantengono le foglie. Questo dipende anche dalle regione climatica nella quale ci troviamo. Durante la stagione estiva, il colore dei suoi fiori, illumina le bordure di numerosi giardini e altrettanti vasi di terrazzi assolati.

Agapanthus caratteristiche e coltivazione

agapanthus-2L’Agapanthus è una pianta tuberosa, perenne, che viene, comunemente, riprodotta per seme o per divisione.

Le varietà con steli lunghi e fiori grandi, di colore blu, aggiungono struttura e leggerezza a molte bordure fiorite e sempreverdi. Formano dei morbidi cuscini, grazie alle foglie nastriformi, robuste e rivolte verso il basso. Il fusto che porta il fiore raggiunge altezze dai 60 a gli oltre 100 cm, in virtù delle varietà selezionate.Alcune riescono a produrre almeno due fioriture  durante la stagione calda. Il colore dei suoi fiori varia dall’azzurro tenue, al blu carico, al bianco, fino ad arrivare alle variegature. Anche le dimensioni delle foglie possono variare dai venti agli ottanta centimetri. La loro colorazione può essere verde unita o variegata.

L’Agapanto, in genere, è un elemento decorativo dei giardini per le sue meravigliose infiorescenze, che emerge da cuscini di foglie o in bordure miste. Spesso, inserito in secondo piano nelle bordure miste. Un accento, che con i suoi grandi fiori brillanti è in grado di esaltare arbusti o graminacee, con fiori o foglie di colori contrastanti.

Il giglio africano cresce bene in terreni sciolti, con un buon drenaggio e ricchi di nutrienti, in posizioni particolarmente soleggiate. Se il sito d’impianto presenta un substrato pesante, cercato di alleggerirlo con sabbia e sostanza organica, prima della messa a dimora delle nuove piante.

La piante presenta sia foglie che radici, carnose. Questo la rende facilmente danneggiabile dal gelo dell’inverno. Le varietà con foglia decidua presentano maggiore resistenza di quelle sempreverdi. Una volta che la pianta si è abituata alla sua nuova dimora, non presenta difficoltà colturali di genere.

E’ importante ricordarsi di mantenere il terreno leggermente umido ma con un buon drenaggio, per evitare ristagni d’acqua che provocherebbero marciumi radicali e conseguenti danni alla pianta.

Se si presentano inverni con temperature particolarmente basse, l’Agapanthus, nell’estate suggestiva, potrebbe avere una fioritura meno abbondante. Per proteggere le piante dal freddo, si consiglia di effettuare delle pacciamature  con paglia o tessuto non tessuto a protezione dell’apparato radicale.

Sono piante che ben si adattano anche alla coltivazione in contenitore, anche le varietà sempreverdi. Queste in particolare, in inverno potranno essere riparate in serra o in un giardino d’inverno, per preservarle dal freddo. In questo modo, all’inizio della primavera, avrete delle belle piante, con già delle foglie verdi, pronte per decorare i vostri angoli fioriti.

In ogni caso, ricordate bene di dare nutrienti sufficienti alle piante all’inizio della stagione vegetativa, così da garantire un bel fogliame e un abbondante e luminosa fioritura. Se desiderate mettere a dimora delle nuove piantine in contenitore, ricordate che l’Agapanthus non apprezza contenitori troppo grandi. In questi casi, produrrà molte più foglie che fiori. Meglio rinvasarle con vasi poco più grandi dei precedenti, per ottenere il giusto equilibrio tra fogliame e fioritura. Al contrario, se avrete vasi congestionati dalle radici, avrete una pianta con scarso vigore vegetativo e con fiori piccoli e poco abbondanti.

Riepilogando, le migliori condizioni nelle quali si può trovare un Agapanthus, per una crescita ottimale sono:

  • Posizione riparata ma in pieno sole,
  • Con un buon substrato di coltivazione,
  • Con un ottimo drenaggio,
  • Con terreno umido ma non eccessivamente bagnato.

E’ consigliato, ogni quattro o cinque anni, estrarre le piante dai vasi, dividerle e crearne così di nuove. Si adatta bene alle zone costiere, dove tollera bene i venti carichi di salsedine.

Durante la primavera, potrete metterli a dimora in ogni momento. Posizionateli piuttosto in profondità e se in vaso, meglio sarebbe lasciare dello spazio nel vaso per il pacciame invernale di copertura. Prima che le nuove piante possano dare il meglio di se, possono passare alcuni anni. Dopo di che, cresceranno in ciuffi abbondanti con numerosi fiori.

Se durante la stagione calda le piante soffriranno la siccità, l’anno successivo, potranno portare meno fiori. Dopo la fioritura, è importante mantenere il terreno umido fino all’autunno. Una volta che i fiori saranno appassiti, potrete rimuovere gli steli secchi.

E’ una pianta molto rustica che non presenta parassiti specifici. Le lumache o limacce, con la loro innata voracità, possono danneggiarne le foglie.

Tutte le specie dell’Agapanthus

agapanthus-3Di Agapanthus ne esistono molte varietà, alcune naturali, molte selezionate per delle loro peculiarità, alcuni con la foglia piccola, altri per la variegatura di fiori o foglie, altri ancora con fiori molto grandi blu, altri per la ripetizione della fioritura. Un mondo molto affascinante da esplorare e scoprire.

Per il vostro giardino, terrazzo o angolo fiorito, abbiate cura di scegliere la varietà che meglio si adatti alle condizioni nella quale vorrete metterla a dimora. Se volete alcuni spunti:

  • Agapanthus campanulatus, con foglie corte, strette e dritte, perde le foglie in inverno,
  • Agapanthus africanus, presenta foglie dritte e coriacee, con fiori color celeste,
  • Agapanthus orientalis, noto anche come Agapanthus umbellatus, con steli molto alti e teste composte da molti fiori,
  • Agapanthus praecox, specie a foglie persistenti, con fiori blu di diversa intensità.

Anche alcune cultivar:

  • “Ben Hope”, con fiori blu acceso, alti fino a 90 cm.,
  • “Blue Giant”, con steli scuri, alti fino ad un metro,
  • “Blue Leap”,selezionato dal cercatore di piante Dan Hinkley, con teste numerose di fiori di un ricco blu,
  • “Midknight Blue”, mantiene le foglie, con portamento ordinato,
  • ”Queen Anne”,a portamento compatto, con fiori blu brillanti,
  • “Summer Skies”, ibridato da Steve Hottovy, con fiori blu brillanti,
  • “Baby Pete”, con foglie corte ma larghe, perfetto per delle bordure basse,
  • “Black Pantha”, con fiori grandi, dal blu molto scuro,
  • “Mood Indigo”, con fiori scuri, fiorisce dalla metà alla fine dell’estate,
  • “Twister”, con fiori variegati bianco e blu,
  • “Tinkerbell”, dalle foglie variegate giallo-verdi, dal portamento naneggiante e compatto,
  • “Gold Strike”, dalle foglie con variegatura vistosa e fiori, anch’essi a due colori, blu e bianco.

Agapanthus fioritura e potatura

Solitamente la pianta di Agapanto inizia a fiorire all’inizio dell’estate. Non ha esigenze specifiche per il suo mantenimento.La potatura si effettua semplicemente togliendo i fiori marci o appassiti.

Per non commettere errori nella scelta della varietà migliore per il vostro giardino è bene rivolgersi ad un esperto del settore che possa consigliarvi correttamente. Per saperne di più commentate oppure contattatemi direttamente scoprendo i miei servizi a questo link.

Showing 3 comments
  • Miriam
    Rispondi

    Ho una Agopanthus viola appena comprata dove la posizionò davanti a una finestra e quanta acqua vuole? Grazie Miriam Miriam

    • Redazione
      Rispondi

      L’Agapanthus è una pianta che vive bene anche in giardino, in piena terra. E’ necessario proteggerlo in inverno dal gelo se si trova in zone dove le temperature scendono al di sotto dello zero. La gran parte delle varietà di Agapanthus fioriscono in primavera o estate e solo alcune sono rifiorenti. Credo che la sua sia una di queste ultime. In casa può tenerla in un luogo molto luminoso, vicino ad una finestra ma lontana da correnti di aria fredda e da fonti di calore intenso, come termosifoni o simili. Il terriccio del vaso deve rimanere appena umido ma mai bagnato, altrimenti la pianta potrebbe incorrere in fatali marciumi radicali.

      Buon giardinaggio,
      Tiziano Codiferro

pingbacks / trackbacks
  • […] coltivazione dell’agapanto, della quale Tiziano Codiferro svela tutti i segreti nel suo blog, è la prima strada da percorrere […]

Lascia un commento