Come crescere e curare un acero giapponese

 In piante e fiori del giardino

Gli aceri giapponesi sono alberi semplici da coltivare sia in contenitore che in piena terra. La gran parte delle varietà prediligono luoghi riparati e ombreggiati. In genere, sono alberi dalle dimensioni contenute, con una crescita lenta, un portamento elegante e un bel fogliame. Potrebbero essere inseriti perfettamente anche nella progettazione di piccoli giardini o terrazzi.

Sono poche le piante che in giardino possono eguagliare la bellezza e i colori di un acero giapponese in autunno. Se usato come esemplare solitario l’effetto che produce è mozzafiato, il suo fogliame autunnale rimane per settimane con i caldi e abbaglianti colori, poi alla caduta delle foglie, ai piedi della pianta si accende una brillante pozza color cremisi, arancione e oro ad accendere la monotonia del prato del giardino in questa stagione. Se impiegato come un accento sul confine o in un’area definita, attira lo sguardo sui suoi rami dal portamento elegante e dalla forma distintiva, decorati dai colori fiammeggianti delle foglie, che ravvivano parti del giardino che altrimenti potrebbero essere monotone in autunno. Se, invece, volete osare e piantarlo lungo una passeggiata, un vialetto o un pendio, avrete un nastro di colori naturali più vivido, attraente e luminoso di qualsiasi altra decorazione possiate immaginare.

Molte varietà di acero giapponese hanno un portamento e una dimensione a maturità che consentono di essere coltivate in vaso o formate come bonsai. Gli aceri giapponesi sono alberi eleganti, che possono essere impiegati molto bene nella costruzione di un giardino moderno o di un tradizionale giardino giapponese. Gradiscono con piacere la compagnia di piante perenni amanti dell’ombra o di piante annuali dagli allegri colori e dalle forme bizzarre.

Gli aceri giapponesi possono fornire un punto focale sorprendente, essere la pianta perfetta per creare un esemplare unico in un grande contenitore o crescere in uno straordinario esemplare di bonsai. Esistono numerose di varietà di acero giapponese disponibili in diverse dimensioni, con un vasto assortimento di forme e colori delle foglie, che vanno dalle tonalità del verde, all’arancio, al rosso, al viola e al variegato.

Come scegliere un acero giapponese

Come abbiamo già descritto in altri post sugli aceri in genere, questi alberi hanno una grande varietà di forme e con diversi colori delle foglie, che in autunno cambiano. Il loro fascino, grazie a queste peculiarità, si mantiene vivo in più stagioni dell’anno.

Gli aceri giapponesi, a seconda delle varietà e delle condizioni di crescita, possono raggiungere gli 8 metri di altezza ma nella gran parte dei casi sono piccoli alberi, dalla crescita lenta, che difficilmente superano i 2/4 metri. Quando parliamo di aceri giapponesi, di solito, si fa riferimento a due tipologie di acero:

  • l’Acer japonicum, che si presenta con alberi di dimensioni contenute e dalle chiome espanse,
  • l’Acer palmatum, considerato alla stregua di un arbusto, con la chioma generalmente più larga che alta.

Entrambi hanno una molteplicità di varietà, tipicizzate da forme erette, espanse e ricadenti.

Per prima cosa, per scegliere quale acero giapponese inserire in giardino è opportuno capire quale forma, colore e portamento si desidera, in base anche alla posizione e allo spazio disponibili. Selezionate forma e dimensione, possiamo passare al colore delle foglie che in diversi periodi dell’anno, possono avere colori diversi.

Le foglie appena spuntano sulla pianta dai nuovi germogli assumono colori che possono andare dal giallo, al verde chiaro, al rosso tenue o acceso. La loro forma è palmata, simile a quella di una mano, con dita sottili. Anche i colori autunnali hanno una grande variabilità dal giallo intenso, all’arancione, al rosso scuro.

E’ utile sapere che le cultivar con la foglia rossa hanno bisogno di più sole delle altre per avere colorazioni più ricche.

Gli aceri giapponesi si adattano piuttosto bene alla gran parte dei tipi di terreno ma hanno uno sviluppo migliore in suoli con un buon drenaggio, arricchiti di sostanza organica, sciolti e leggermente acidi.

Le basi per la coltivazione dell’acero giapponese

Le temperature della zona nella quale vivete non influiscono necessariamente sulla salute dell’acero ma hanno un effetto diretto sul colore delle foglie. Il caldo tende a far diventare verdi, in estate, molte varietà con foglie tipicamente viola o rosse. Le gelate tardive in primavera, al contrario, possono causare gravi danni anche agli esemplari maturi.

Fornire alla pianta la giusta quantità di luce dovrebbe essere un atto dovuto per ottenere un albero sano e rigoglioso. Troppa luce può danneggiare le foglie delicate. Troppa poca luce per alcune delle varietà più colorate causa un passaggio del colore delle foglie in autunno verso il verde perdendo i colori brillanti e attraenti del rosso o del viola. Per ottenere il miglior effetto per il colore delle foglie, la maggior parte degli aceri ha bisogno di una posizione ben soleggiata ma protetta nelle ore più calde, nelle regioni più a sud.

Gli aceri giapponesi, di solito, crescono più velocemente quando sono giovani e rallentano quando raggiungono la maturità. Metterli a dimora nel luogo migliore per la loro crescita e prendersi cura di loro, aiuta senza dubbio lo sviluppo sano ed armonico della pianta. Se non avete pazienza di aspettare che un acero giapponese cresca, vi consiglio di sceglierne uno più maturo, di dimensioni maggiori piuttosto che un giovane esemplare da formare. In alternativa, potete optare per delle varietà che sono ben note per il loro rapido sviluppo, come l’Acer palmatum ‘Beni-otake’.

Il miglior periodo dell’anno per mettere a dimora un acero giapponese va dall’inizio dell’autunno, fino a tutto l’inverno. Questi piccoli alberi dalla crescita lenta sono maggiormente indicati per giardini più piccoli ma ciò non toglie che possano essere impiegati in qualsiasi tipo di giardino o su terrazzi, in vaso.

Gli aceri giapponesi sono piante resistenti ma crescono meglio in luoghi riparati dai forti venti. Gli aceri giapponesi variegati hanno bisogno di luoghi ombreggiati per evitare che il caldo sole del pomeriggio danneggi le foglie. Le varietà a foglia verde tollerano meglio il pieno sole ma si sviluppano con minori rischi e maggiore successo in mezz’ombra, poiché un irraggiamento eccessivo può bruciarne le foglie.

Per avere una pianta rigogliosa e con una bella vegetazione, date al vostro acero giapponese spazio a sufficienza e non mettetelo in competizione con altre piante con apparati radicali invadenti. Le loro radici si sviluppano di poco al di sotto della superficie. Evitate, quando li piantate, di mettere la pianta con il colletto sommerso dalla terra.

Dopo che avete messo a dimora la pianta, annaffiate bene il terreno circostante. Nei mesi successivi, continuate ad irrigare con regolarità per evitare che il substrato si secchi eccessivamente. Per il primo e secondo anno la nuova pianta ha bisogno di essere ben bagnata, con regolarità. Per aiutare a mantenere il terreno fresco ed umido, potete pacciamare adeguatamente il terreno con della corteccia di pino o simili.

Come crescere un acero giapponese in vaso

Gli aceri giapponesi sono gli alberi ornamentali ideali per la coltivazione in contenitore. Le loro dimensioni contenute e il tasso di crescita relativamente lento, li rendono perfetti per vasi di diverse forme e dimensioni a seconda delle dimensioni della pianta.

Più o meno tutti gli aceri giapponesi possono essere coltivati in vaso ma per non commettere errori, meglio optare per varietà che abbiano dimensioni contenute una volta divenute mature.

Trovate un contenitore che abbia dimensioni di almeno due volte il vaso della pianta che dovete rinvasare. Non esagerate con le dimensioni del vaso, potreste avere problemi con la giovane pianta.

Come substrato di coltivazione impiegate un terriccio ben sciolto, ricco di sostanza organica e capace di drenare rapidamente l’acqua in eccesso delle innaffiature, con un pH leggermente acido. Gli aceri giapponesi coltivati ​​in contenitori devono essere nutriti più spesso di quelli coltivati in piena terra. L’acqua dell’irrigazione tende a dilavare velocemente i nutrienti dal terreno e ad impoverirlo. Vi consiglio di concimare gli aceri giapponesi in vaso almeno due volte l’anno.

Se abitate in zone con inverni rigidi ed avete degli aceri giapponesi in vaso, proteggetene le radici, coprendo il terriccio con della pacciamatura e ritirando il vaso in una posizione riparata dai venti freddi ma comunque ben illuminata.

Gli aceri giapponesi generalmente non richiedono alcuna potatura ma, se necessario, potare durante il periodo di riposo vegetativo per rimuovere eventuali rami secchi e per mantenerne la forma.

Ogni due o tre anni, se la pianta sta bene e cresce rigogliosa è necessario procedere al rinvaso. Utilizzate un contenitore leggermente più grande del precedente. Aprile o settembre sono i mesi ideali per fare questa operazione.

Gli alberi coltivati ​​in contenitori a lungo termine avranno bisogno di potature delle radici ogni due o tre anni. Per fare questo, appoggiate il vaso su un lato e rimuovete l’albero dallo stesso. Usando un vecchio segaccio, tagliate circa 4 cm della zolla originale, sui lati e dal fondo. A questo punto, rinvasate con terriccio nuovo.

Come ulteriore cura per l’inverno, poiché le radici degli aceri in vaso sono vulnerabili al gelo, avvolgete i contenitori con un foglio di plastica a bolle o con del cartone, tenuto in posizione con dello spago da giardino.

Potatura dell’acero giapponese

Gli aceri giapponesi hanno per natura una forma elegante. Quando li acquistate, di solito richiedono pochissime potature, tranne la rimozione delle parti danneggiate dal caldo o dal freddo. Se avete dei i giovani esemplari che producono dei germogli verticali troppo grandi, può essere opportuno potarli su un ramo laterale alla fine dell’autunno.

E’ consigliabile potare gli aceri giapponesi durante il periodo di riposo vegetativo, ovvero da novembre a gennaio, poiché gli aceri emettono la linfa dai tagli delle potature in altri periodi dell’anno, indebolendo l’albero. Ancora meglio se riducete la potatura al minimo, visto che la forma più aggraziata della pianta si ha quando all’albero è stato permesso di svilupparsi in modo naturale. Di conseguenza, è sufficiente rimuovere i germogli al di fuori della forma desiderata o che si incrociano con altri per migliorare la struttura e l’armonia dei rami.

Nel caso in cui sia necessario ridurre l’altezza e la larghezza della pianta, seguite i rami lunghi fino ad un ramo laterale e potateli in questo punto. Ciò non è necessario sugli alberi che hanno un portamento prostrato, perché per ottenere la migliore forma della pianta è necessario lasciarla crescere libera.

Potate sempre su un ramo nuovo laterale ben posizionato. Non lasciate mai un moncone, è antiestetico e può causare problemi alla pianta.

Parassiti ed eventuali problemi dell’acero giapponese

Gli aceri giapponesi sono facili da coltivare se posizionati in posizioni in ombra, in un terreno idoneo, al riparo dai venti freddi.

Tuttavia, potrebbero avere dei problemi nella coltivazione in giardino o in terrazzo, che un bravo giardiniere dovrebbe saper riconoscere e risolvere prontamente, ove possibile. Vediamone alcuni:

  • Gli aceri giapponesi possono essere soggetti ad avere le foglie bruciate dal sole o dai venti freddi. Le foglie più giovani possono essere danneggiate dal gelo. Durante la primavera, meglio proteggerli con una copertura in Tnt per prevenire i danni delle gelate tardive.
  • Una scarsa colorazione autunnale o le varietà a foglia viola che diventano verdi, possono suggerire un’eccessiva mancanza di luce.
  • Gli aceri giapponesi coltivati in contenitore possono essere danneggiati da alcune larve che si nutrono delle loro radici.
  • La Phytopthora che determina il deperimento dell’apparato radicale può causare anche l’appassimento degli apici vegetativi, creando gravi problemi alla pianta.

Un rimedio per tutti questi problemi è la corretta cura e coltivazione delle vostre piante di acero giapponese. In questo modo, si previene la maggior parte degli inconvenienti dovuti a situazioni di stress per la pianta.

Alcune varietà di acero giapponese

Infine, presentiamo alcune delle varietà più comuni o singolari di acero giapponese, con le innumerevoli cultivar. Questi alberi sono da molto tempo usati per produrre esemplari unici di bonsai. Alcuni si caratterizzano per avere foglie più incise, altri per la crescita molto lenta e per l’eleganza della struttura dei rami, altri ancora per il colore vivido e intenso al variare delle stagioni delle foglie, per le dimensioni delle foglie.

Acer shirasawanum ‘Autumn Moon’ – Pochissimi aceri giapponesi possono vantare un colore arancione come quello dell’Autumn Moon, che è davvero unico nel suo genere. La colorazione insolita è più forte in pieno sole e dura da quando spuntano le foglie per la prima volta in primavera fino alla ricca screziatura rosso-arancio dell’autunno. Una selezione davvero straordinaria, dalla lenta crescita.

Acer palmatum ‘Bloodgood’ – Preferisce terreni umidi, ricchi di sostanza organica, leggermente acidi e ben drenati in pieno sole fino all’ombra parziale. Può essere piantato in pieno sole nelle parti settentrionali del suo areale di coltivazione ma preferisce una parziale ombra pomeridiana nelle regioni meridionali più assolate. Il nuovo fogliame può bruciare in luoghi in pieno sole, nelle zone con estati più calde, in particolare se il suolo non viene mantenuto costantemente umido

Acer palmatum var. dissectum ‘Crimson Queen’ – E’ una cultivar popolare conosciuta per la sua eccellente ritenzione del colore delle foglie per tutta la stagione di crescita. Produce piccoli fiori rossastri in primavera, che lasciano il posto alle samare che maturano tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Come con molti aceri, i fiori sono piuttosto attraenti da vicino ma non sono particolarmente appariscenti da lontano.

Acer palmatum var. dissectum ‘Dissectum Atropurpureum’ – E’ una cultivar a foglia viola, con foglie sezionate e ramificazioni contorte. È noto per il suo fogliame simile a un pizzo che emerge rosso porpora in primavera, matura in verde, con sfumature viola in estate e, infine, diventa di un vistoso rosso-arancio in autunno. Il seme di questa cultivar produrrà nuovi aceri che varieranno leggermente sia nel colore delle foglie che nella quantità di dissezione delle stesse.

Acer palmatum ‘Sango-kaku’ – Ha un portamento eretto, una crescita lenta. Talvolta, è chiamato l’acero dalla corteccia di corallo, con riferimento alla sua caratteristica e vistosa corteccia rosa che fornisce un eccellente colore e contrasto in giardino in inverno. La colorazione rosa è meno pronunciata e quasi assente in estate. La migliore colorazione rosa si ha sui giovani ramoscelli e rami. Il nome della cultivar significa torre di corallo (sango che significa corallo marino e kaku che significa torre o crescita verso l’alto) come a suggerire che questa cultivar dalla corteccia rosa, assomigli al corallo che sale da una barriera corallina. Commercialmente è sinonimo del ‘Senkaki’.

Acer palmatum ‘Suminagashi’ – E’ una cultivar dal portamento eretto. Questi alberi hanno la tipica forma simile a quella di un vaso da giovani ma gradualmente si allargano con l’età. Questa è una cultivar a crescita rapida. I rami possono ricadere alle estremità. Il fogliame nasce rosso porpora in primavera, matura in marrone scuro in estate e, infine, diventa rosso vivo, in autunno.

Acer palmatum var. dissectum ‘Lemon Chiffon’ – E’ una cultivar attraente di Acer palmatum con foglie verde chiaro, che si tingono di giallo in primavera. In estate, i nuovi getti sono leggermente bronzati e si colorano di rosso sui lobi. In autunno, si passa da foglie di colore giallo all’arancio, talvolta striato di rosso.

Una breve sintesi dell’acero giapponese

Infine, riepiloghiamo gli elementi essenziali che caratterizzano gli aceri giapponesi:

  • Sono piante che esprimono il loro lato più affascinante da ottobre a marzo, a seconda delle zone di coltivazione.
  • Richiedono poca o nessuna potatura e manutenzione.
  • La concimazione dovrebbe essere fatta in primavera, insieme alla pacciamatura.
  • Preferiscono luoghi freschi e leggermente ombreggiati e, se coltivati in vaso, meglio dar loro contenitori delle dimensioni adeguate o leggermente più capienti.
  • Sono alberi a foglia caduca, dal portamento compatto, a crescita lenta, ideali anche per giardini di piccole dimensioni o per terrazzi.
  • Hanno un fogliame molto attraente nei toni del verde, giallo, variegato o bordeaux che in autunno cambia colore.
  • Può essere riprodotto da seme ma per avere la certezza della varietà, di solito si acquistano piante innestate.

A questo punto, non vi resta che provare questa pianta nel vostro giardino, parco o terrazzo e condividere con noi le vostre esperienze verdi, lasciando un commento sul mio sito!

Lascia un commento

0