Sub-irrigazione, una tecnica che viene da lontano

Gli impianti di irrigazione per il prato, il giardino o l’orto possono essere fissi, semifissi mobili. La scelta di un tipo o di un altro è determinata da diversi fattori, tra i quali sicuramente il budget di spesa disponibile, l’ampiezza dello spazio da irrigare, il fabbisogno d’acqua e il numero dei punti d’irrigazione in funzione del clima, del tipo, della composizione del terreno e soprattutto delle esigenze delle piante coltivate.

drip.IrrigationPer darvi un’idea, per 100 mq di manto erboso nelle diverse zone del nostro Paese possono essere necessari dai 300 ai 700 litri al giorno di acqua, perciò è sempre consigliabile farsi assistere da un esperto per questo tipo di valutazioni.

 

Passando da un impianto mobile ad uno fisso e dal sistema manuale all’automazione, di regola si riducono notevolmente le ore lavoro e gli sprechi idrici, ma aumentano i costi iniziali d’installazione.

 

Tra gli impianti fissi su misura la subirrigazione negli ultimi anni ha avuto un certo sviluppo grazie all’enorme potenziale di risparmio d’acqua e di riduzione degli sprechi: ne parliamo più in dettaglio nel BLOG.

 

Se sei interessato a un impianto di sub-irrigazione a regola d’arte, possiamo offrirti la consulenza per il piano di fattibilità, la posa in opera fornitura di un sistema ad hoc, per una soluzione chiavi in mano.

Richiedici un preventivo gratuito o maggiori informazioni telefonando al 3477633625 o scrivendoci a info@codiferro.it

Lascia un commento