Piante mellifere e api: fiori che attraggono come miele

Alpina, appenninica, collinare, di pianura, litoranea, insulare e mediterranea l’Italia proprio per la sua configurazione geografica mette a disposizione una grande varietà di piante mellifere per le nostre api!

Le api hanno una grandissima importanza per l’impollinazione, fondamentale per la fecondazione dei fiori che produrranno frutti. Pensate ad un mondo senza api e quindi senza la maggior parte dei frutti che trovate al supermercato e moltissime verdure… che tristezza!

frutta e verdure che trovi al supermercato dipendono dalle api senza le api

Quindi, per evitare che questo accada e per far sì che le nostre amiche api possano continuare a fornirci miele, in qualche modo possiamo aiutarle piantando e seminando le specie giuste nel nostro giardino!

 

Di seguito alcune piante e fiori che potete seminare

Tarassaco, zinnie, calendule e dalie sono ottime per fornire nutrimento durante l’estate e poi tutte le leguminose lupinella, sulla, ginestra

Un altro elemento fondamentale legato alla fioritura è il fatto tecnico e pratico per cui gli apicoltori, conoscendo le epoche di fioritura delle varie specie da cui si ottiene il miele possono spostare i loro apiari in una zona geografica diversa dall’altra quasi ogni mese. In questo modo possono “inseguire le fioriture” praticando il cosiddetto nomadismo. In sostanza gli apicoltori che fanno apicoltura da reddito spostano diverse decine di arnie alla volta nelle varie regioni d’Italia e a diverse altezze altimetriche, proprio per poter raccogliere nettari diversi e produrre mieli di specie diverse e talvolta molto ricercati.

Acacia, tiglio, castagno, rododendro, corbezzolo, agrumi… solo queste prime specie botaniche fanno pensare ognuna a regioni italiane diverse!

ape su dalia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Specie mellifere:

  • Acacia (Robinia pseudoacacia L.)
  • Acero campestre (Acer campestre L.)
  • Agrumi (Citrus spp.)
  • Borraggine (Borago officinalis L.)
  • Caprifoglio (Lonicera caprifolium L.)
  • Castagno (Castanea sativa Miller)
  • Colza (Brassica napus L.)
  • Edera (Hedera helix L.)
  • Erba medica (Medicago sativa L.)
  • Erica (Calluna vulgarisL.)
  • Eucalipto (Eucayilptus camaldulensis Dehnh)
  • Facelia (Phacelia tanacetifolia Benth.)
  • Fruttifere (Prunus spp.)
  • Girasole (Helianthus annuus L.)
  • Ginestrino (Lotus cornicolatus L.)
  • Lampone (Rubus idaeus L.)
  • Rosmarino (Rosmarinus officinalis L.)
  • Trifoglio violetto (Trifolium pratense L.)
  • Tarassaco (Taraxacum officianle Weber ex F.H.Wigg.)
  • Rododendro (Rododendrum hirsutum L.)

ape posata su fiore di zinnia

 

Si deduce quindi quale sia la grande varietà di miele che si può raccogliere e quante siano le specie vegetali più o meno “nobili” dalle quali ottenere miele. Un alimento incredibile dal grandissimo potere nutritivo!

Purtroppo le api non stanno avendo vita facile negli ultimi anni. In campagna spesso si utilizzano prodotti chimici in momenti sbagliati (soprattutto in concomitanza con le fioriture) e vengono sterminate. Un altro grande problema è l’agricoltura intensiva monocolturale delle nostre pianure, dove la biodiversità floristica è ridotta all’osso. Le api non trovano “cibo” e non riescono a svilupparsi andando incontro alla morte.

 

Ricordiamoci sempre che ogni azione ha una reazione. Teniamo in mente che in Cina migliaia di persone sono costrette ad impollinare manualmente i fiori con dei pennellini perché hanno raggiunto condizioni atmosferiche invivibili per le api.

impollinazione manuale

Pensiamoci bene, i modi per contrastare e recuperare il problema esistono, basta volerlo!

Ora che sapete quali sono le piante “amiche” delle api, potete contribuire al loro aiuto… pronti per la semina?

Link: http://www.wholefoodsmarket.com/blog/whole-story/share-buzz-about-honey-bees

Scritto da Martina Lucchi e Maddalena Scalabrin di sTreet Italia: da giovani esperte in Architettura del Paesaggio, Martina e Maddalena si occupano con passione di verde e riqualificazione urbana.

Lascia un commento