Piante che curano altre piante: fertilizzanti e repellenti naturali fai da te

Alcuni clienti mi chiedono come preparare in casa concimi, fertilizzanti e antiparassitari completamente naturali per le nostre piante. Devo dire che per questo non c’è niente di meglio che sfruttare altre specie vegetali e i prodotti del nostro orto: persino le più diffuse erbe aromatiche infatti sono ricche di principi attivi utili alla salute e al benessere delle ornamentali e possono rivelarsi – soprattutto in via preventiva -come valide sostitute dei prodotti chimici.


Sono da prendere in considerazione sia le aromatiche coltivate, sia quelle che – come l’ortica – crescono spontanee in compagnia dei nostri ortaggi, da usare soprattutto in forma di decotti, infusi, macerati casalinghi.

Come preparare concimi e antiparassitari fai da te

 

infuso di aglio antiparassitario

 

  • Interrate direttamente spicchi d’aglio attorno al fusto della pianta infestata e avrete un ottimo repellente della nonna contro i pidocchi delle rose: l’allicina che contengono infatti non è affatto gradita a parassiti come acari, afidi e tignole, e tiene lontani i dannosi nematodi dal terriccio che li ospita. Se poi avrete la pazienza di preparare un infuso di aglio e di spruzzarlo direttamente sulle piante da trattare, il risultato sarà certamente migliore. L’infuso si ottiene nella proporzione di 4 spicchi schiacciati in mezzo litro d’acqua, da portare a bollore e poi da lasciare riposare qualche ora. Aggiungete mezzo cucchiaio di sapone di Marsiglia, filtrate il preparato e nebulizzatelo più volte con cura su foglie e fusto.

 

spray al peperoncino per piante

 

  • Allo stesso modo, la soluzione al peperoncino potrà svolgere per voi un’azione repellente contro afidi e cocciniglie, pidocchi rossi ma anche lumache: va nebulizzata però su una piccola parte della pianta malata, per un test di reazione di 48 ore prima del trattamento completo, perché alcune piante potrebbero non tollerare bene le sostanze contenute. Per prepararla sciogliete 2 cucchiai di polvere di peperoncino per ogni litro d’acqua o frullate 5 peperoncini freschi con 1 tazza d’acqua, poi filtrate e diluite in altri 3 litri d’acqua e lasciate riposare una giornata. Usate il preparato un paio di volte alla settimana come l’infuso d’aglio, avendo cura di spruzzarlo al tramonto e mai sotto i raggi del sole.

 

decotto di cipolla come repellente

 

  • In alternativa, potreste preparare un decotto di cipolla con gli scarti di cucina, da spruzzare anch’esso direttamente sulle foglie di piante come i pomodori e le patate per contrastare sgraditi ospiti come la peronospora. Bastano 50 gr di scarti di cipolla a bagno per 2 ore in 1 litro d’acqua fredda. Questo composto va poi scaldato a fuoco lento per 30 minuti, evitando che giunga a ebollizione, quindi raffreddato e filtrato. In alternativa potete unire la cipolla all’infuso d’aglio di cui vi abbiamo appena parlato, per potenziarlo.

 

ortica come fertilizzante

 

  • Contro le crittogame, gli acari come il ragnetto rosso e altri insetti nocivi per le piante il macerato di ortica sembra essere un alleato potente: basta tenerne le foglie (100 gr per 1 litro d’acqua) a fermentare per 10/15 giorni a bagno nell’acqua fredda, rimescolando giornalmente, finché quest’ultima non scurisce. Poi potrete irrorare il terreno infestato e le foglie delle piante infestate. Trattandosi di un macerato ricchissimo di sostanze nutritive, esso agirà anche da fertilizzante naturale. Non utilizzatelo sugli alberi da frutto e sulle parti fiorite in generale perché ostacola gli insetti impollinatori, e nemmeno su cavoli e crucifere perché invece attira la cavolaia.
  • Infine anche l’acqua di trattamento di ceci e legumi prima della cottura pare avere un buon effetto fertilizzante, specie per gli agrumi in vaso, quindi non gettatela via.

Lascia un commento