Moonlight Flowers: la bellezza coinvolgente e rassicurante del “Giardino bianco”

Partecipo con molto piacere all’iniziativa legata all’evento “White in the City”, durante la Milano Design Week. Ideata da Claudio Balestri, presidente di Oikos Srl e Giulio Cappellini, direttore e curatore artistico dell’evento. Il bianco, protagonista unico ed indiscusso con i suoi simboli, le sue sfumature, la sua impalpabilità, il candore e la purezza. Il tema mi ha fatto subito pensare al Moonlight Garden, un tipo di giardino tanto evocativo, quanto rasserenante.

Fiori dal tramonto all’alba: cos’è il Moonlight Garden

fiori-notteMoonlight Garden, noto anche come “giardino al chiaro di Luna” o “giardino Bianco”, è un giardino dove i fiori sbocciano dal tramonto fino alle prime luci dell’alba. Le piante aprono i loro fiori dal calar della sera fino al sorgere del sole, creano un effetto surreale, e con profumi intensi e inebrianti incantano chi si trovi in questi luoghi magici.

Perché alcuni fiori fiorisco solo di notte? La risposta è semplice, questi fiori devono attrarre dagli insetti impollinatori notturni, questa è la loro “specialità” e in questo modo non devono competere per colori e forme con altri più appariscenti, magari più belli di loro ma non altrettanto misteriosi. Durante il periodo di fioritura, soprattutto nelle notti calde d’estate, queste piante, così facendo, consumano minori quantità di acqua e di energia per svolgere questa fase molto importante della loro esistenza.

Riuscire a progettare e realizzare un giardino che sia bello tanto di giorno quanto di notte richiede l’aiuto di professionisti qualificati: un capace paesaggista e un giardiniere competente. L’elemento cromatico gioca un ruolo importante nella scelta del colore delle foglie delle piante e dei loro fiori per la creazione di un giardino notturno. Il colore grigio o le variegature delle foglie sicuramente aiutano a riflettere i raggi della luna piena o delle fonti di luce presenti nel giardino. Il colore chiaro, in genere bianco talvolta screziato, ed il profumo intenso dei fiori fungono da potenti richiami per gli impollinatori notturni come falene, pipistrelli e lucciole. Infonde una sensazione di benessere e pace interiore a chi vive il giardino nelle prime ore della sera.

Tra profumi e fiori bianchi: un piacere sinestesico

Il bianco dei fiori, è dovuto al fatto che i loro visitatori notturni percepiscono i colori come bianco e nero, diversamente dagli esseri umani e da molti altri insetti e animali, inoltre, sono molto sensibili all’ultravioletto. Un mezzo molto utile alle piante con fioriture notturne è il produrre odori intensi, spesso gradevoli, altre volte pestilenziali ma comunque molto accattivanti e apprezzati dai loro attesi visitatori.

Spesso capita che di giorno, queste piante risultino prive di un reale interesse per i nostri occhi ma allo spuntare della luna tutto cambia. Entrano in scena nuovi ed inaspettati personaggi. Anche con una pallida luce notturna, i fiori bianchi spiccano prepotentemente nelle aiuole in ombra del giardino mentre piante con fiori di colore blu o rosso quasi scompaiono.

Una condizione analoga la possiamo trovare anche nelle profondità dei mari e degli oceani, dove di notte tutto cambia: pesci che di giorno abitano le profondità degli abissi salgono in superficie. Si fanno trascinare dalle correnti. Il mare brulica di forme e colori luminescenti mai visti fino a quel momento. Anche alcune alghe, possiedono proprietà uniche di produrre luce propria mediante la bioluminescenza. Un po’ quello che accade nelle calde notti di primavera per le lucciole, che illuminano con evanescenti luci i giardini di campagna e di città.

Lo sapevate che le piante aromatiche esprimono al massimo i loro profumi all’alba? Se le toccate o solo ci passate accanto, vi inondano dei loro intensi odori. Trascorrere un’ora nel vostro giardino notturno allontanerà i pensieri della giornata e guadagnerete in qualità della vita.

Come creare un Moonlight Garden

gelsominoIn un giardino notturno non può mancare uno specchio d’acqua di qualunque forma o dimensione. La luce della luna vi si riflette argentea e suadente, creando forme immaginarie e lo scorrere dell’acqua rilassa i sensi di chi cammina o si siede nei suoi pressi. Il candido pallore latteo sfuma le forme e ingentilisce ogni angolo.

Ricordiamoci sempre che creare il proprio Moonlight Garden, tutto deve essere accuratamente studiato e conosciuto prima: la preparazione del terreno, l’irrigazione, la scelta delle piante, i colori di foglie e fiori e non per ultima la manutenzione. Un giardino perché funzioni deve avere un equilibrio proprio e con l’ambiente circostante. La presenza di insetti utili, l’assenza di sostanze nocive, la consociazione tra diverse piante per esaltarne a vicenda le proprietà e la relativa salute, sono solo alcuni elementi per un giardino eco-sostenibile.

Quali sono le piante indicate?

Ecco alcuni esempi di piante che possono dare un ottimo risultato nel vostro giardino notturno:

Mandevilla suaveolens, chiamata anche gelsomino del Messico. E’ un rampicante molto profumato e sempre fiorito. In inverno si spoglia per poi iniziare, in primavera, una fioritura abbondante e prolungata.

Brugmansia suaveolens o Tromba degli angeli . Originaria dell’America del Sud, è una pianta arbustiva che raggiunge l’altezza di due metri. Il grande fiore imbutiforme può arrivare ad una lunghezza di 35 cm e la sua fioritura permane tutta l’estate fino ad arrivare alle prime gelate autunnali. Conosciuta fin dai tempi remoti anche dai nativi dell’America centrale, questa pianta ha proprietà allucinogene.

Bulbophyllum nocturnum, tra le 25.000 specie di orchidee è una varietà di orchidea, originaria di un’isola di Papua Nuova Guinea, che fiorisce di notte, sboccia all’imbrunire e appassisce all’alba.

Gelsomino “Night blooming jasmine”, pianta rampicante dell’America centrale, ha piccoli fiori bianchi molto profumati che appaiono solo di notte.

Araujia sericofera , comunemente “Pianta della Seta” o “Pianta Crudele”, perché intrappola gli insetti impollinatori della notte all’interno dei suoi fiori dal profumo molto intenso e dolce fino alla mattina successiva per poi liberarli. E’ anche il “piatto” preferito dei bruchi della farfalla Monarca.

Tra le altre piante: il Cappero che apre i suoi fiori nelle ore notturne, alcune varietà di ninfee e di catucs, “Queen of the night”, non ultima la comune Mirabilis jalapa nota come “Bella di notte”. Su una stessa pianta si possono avere fiori molto profumati ma di colori diversi. La sua popolarità è dovuta alla lunga fioritura e alla grande capacità di adattamento che ha.

Per avere migliori risultati nella realizzazione di un giardino notturno, non esitate a contattarmi.

Comments
  • Lorena
    Rispondi

    Da 12 anni ho la fortuna di avere un giardino ed anche piuttosto impegnativo, a cui si è aggiunto da pochi anni anche un orto/giardino. All’inizio ho inserito soprattutto piante con fiori bianchi (mio marito non era molto d’accordo), poi con gli anni abbiamo introdotto anche altri colori, ma i fiori bianchi sono godibili anche al tramonto e sono meravigliosi.

Lascia un commento