Il cipresso: la sentinella verde del paesaggio in Toscana

Chi ha una certa familiarità con le dolci colline della nostra Toscana sa quanto il cipresso sia un elemento importante e riconoscibile nella composizione del paesaggio locale: la sua chioma affusolata e sempreverde è come una sentinella che in file ordinate ci accompagna lungo il viale sterrato d’ingresso alla casa padronale, segna gli angoli dei confini di giardini o di piccole e grandi proprietà, presidia i crocicchi delle strade di campagna e infine fa da ombra alla quiete di cimiteri agresti e cittadini, come presenza simbolica da secoli associata alla vita eterna oltre la morte.

Il Cupressus sempervirens L. o cipresso nero è una conifera di origini orientali appartenente alla famiglia delle Cupressaceae, presente nelle zone più temperate e un po’ in tutti i continenti: dal Nord America all’Asia, dall’Europa mediterranea all’Africa settentrionale, troviamo numerose altre varietà di questi alberi dalla chioma allungata come una lancia, estremamente compatta e di un bel verde scuro (in alcuni casi virante all’azzurrato), composta di foglioline simili a squame allargate e di piccole pigne tondeggianti (galbule), della forma di capsule e di piccoli sonagli.

Si tratta di alberi longevi che possono superare facilmente i 500 anni: pare che nel mondo ne esistano esemplari millenari, soprattutto tra i Cupressus duprezania che in Nord Africa possono raggiungere i 4.000 anni.

Cipresso-di-4000-anni-Iran

Cipresso iraniano di 4000 anni – photocredit: di TruthBeethoven da wikimedia

La crescita del cipresso è infatti generalmente lenta ed esso viene coltivato sia per antica tradizione sia per la qualità del legno, in filari o in boschetti, che in Italia (dove è stato importato dalla Persia dalle antiche popolazioni fenicie ed etrusche), sono ubicati per la maggior parte nelle provincie di Firenze e Siena.

Il suo legno è ancora oggi ricercato per durezza, durevolezza e resistenza all’umido e alle intemperie per la costruzione di infissi e di soffitti, di parti navali e di mobili artigianali, per i quali spesso è preferito per il fatto che emana un profumo quasi di canfora che tiene lontane tarme e parassiti.

Gli stessi olii aromatici (canfene, pinene, cupressene) che ne impregnano la corteccia pregiata sono concentrati principalmente nelle galbule e, assieme a polifenoli e tannini, fanno del cipresso una pianta medicamentosa, conosciuta e usata sin dall’epoca assira principalmente per la cura dei problemi di circolazione venosa e come balsamico per l’apparato respiratorio, per inalazioni contro la tosse spasmodica.

In passato l’essenza veniva utilizzata anche per l’arredo di luoghi mistici o in occasioni rituali ben definite, per motivi che andavano ben oltre la sua durabilità e sconfinavano nella dimensione simbolica di immortalità di questo albero sacro, legato nei secoli tanto alla vita quanto alla morte: così arredi, portali, statue nei templi erano in cipresso, come anche i sarcofaghi e alcuni strumenti musicali.

Della sua aura mistica e simbolica ereditata da tradizioni pagane e religiose sono costellate la mitologia e la storia dell’uomo: le citazioni partono dall’Antico Testamento (l’Arca di Noè era in legno di cipresso) e arrivano in tempi più recenti con I Sepolcri del Foscolo e i cipressi della Toscana di Bolgheri cantati dal Carducci. La flotta di Alessandro Magno era in cipresso, come lo erano nel mito lo scettro di Zeus e l’arco di Eros; da una parte associato alla vita per via della forma slanciata della chioma, simile a fiamma viva; dall’altro associato alla fertilità per la sua foggia fallica – tanto da venire piantato in occasione della nascita di una figlia femmina –l’albero presso i Romani era uno dei regali destinati agli sposi novelli.

Dagli antichi Greci veniva associato ad Apollo e Artemide ed era considerato l’albero sacro di Ade, divinità dei morti. Anche poeti della Roma antica come Catullo, Ovidio e Virgilio ne cantarono i legami con la morte e la realtà ultraterrena; mentre nella tradizione cattolica il cipresso è stato spesso associato all’immagine della Chiesa e della Madonna, forse per la sua caratteristica di protendersi verso il cielo, ed è stato legato alla figura di San Francesco nella fondazione di due conventi (Santa Croce e Villa Verrucchio), avvenuta a seguito di eventi miracolosi che videro questa pianta come protagonista.

Così, sempre parlando di simboli religiosi, alberi e conventi anche al di fuori della Toscana, è noto come i monaci medievali erano soliti piantare al centro del chiostro un cipresso (o un’altra Cupressacea, il cedro) come allusione al biblico Albero della Vita custodito al centro di Gerusalemme.

 

Lascia un commento