Caratteristiche e funzioni del giardino dei semplici

Nonostante abbia origini antiche, il giardino dei semplici non è molto conosciuto. Ma cos’è il Giardino dei semplici e quali sono le sue peculiarità e caratteristiche?

Il Giardino dei semplici: cenni storici

Il Medioevo è un periodo storico che si estende per diversi secoli, dal V al XIV d.C., dal quale ci sono rimaste poche conoscenze e ancora meno ne sono rimaste sul giardino medievale. Un dato certo è rappresentato dall’abbandono delle abitazioni rurali che costellavano le campagne, dovuto dalle ripetute invasioni barbariche che si sono succedute in quei secoli, successivamente alla decadenza dell’Impero di Roma. Per questo motivo, per molti anni, i campi coltivati, i frutteti, gli orti sono stati chiusi all’interno delle mura delle città, da qui “campi chiusi”. All’esterno delle mura si praticavano caccia e pastorizia, oltre a coltivazioni minori, da qui “campi aperti”. Col passare del tempo le bonifiche di ampi territori furono dimenticate e i boschi si appropriarono di nuovo dei loro spazi originari. Il giardino si rinchiuse così all’interno del monastero, prima, e del castello, poi.

Assistiamo alla nascita del giardino monastico. Con il Monachesimo e il sorgere di numerosi monasteri, la cultura romana si tramanda nei secoli e si mantiene in vita attraverso lo studio e la conservazione di antichi testi. Tra questi anche numerosi trattati di agricoltura inerenti la conoscenza e lo studio delle piante e della loro utilità. I monaci hanno l’obbligo di vivere nel convento e di svolgere in questo ambiente tutte le loro attività, tra le quali la coltivazione e lo studio delle piante utili. Si favorisce così lo svilupparsi della cultura dei giardini.

Sin dall’antichità si nutriva un particolare interesse per tutte le piante utilizzate per comporre i medicamenti. Questi potevano differire in semplici, se realizzati con una sola pianta o composti se ottenuti con la combinazione di più piante. Nel Medioevo, questa tradizione si sviluppa ancora di più.

Il chiostro rappresenta il centro della vita monastica, dove i monaci si incontrano, pregano e lavorano. Il giardino diviene luogo di incontro, studio e lavoro. L’hortus conclusus è un giardino chiuso all’interno di mura, protetto. Progettato con uno schema quadripartito, con richiami evidenti all’immagine descritta nella Bibbia del Paradiso terrestre, nel libro della Genesi. Al centro era posto un pozzo per l’acqua, simbolo della vita, oppure un albero, simbolo dell’Albero della conoscenza del Bene e del Male. Al giardino, origine di perfezione voluta da Dio, si contrappone il fuori, il resto del mondo. L’hortus conclusus , con la sua fonte di vita, simboleggia la Vergine Maria.

Caratteristiche del Giardino dei semplici

In un’antica pergamena di origine medievale, si descrive con dovizia di particolari la composizione di uno di questi giardini di erbe mediche, con sedici diverse specie (fra cui levistico, tanaceto, santoreggia, rosa, cumino, giglio, salvia, rosmarino, ecc.). In questi schemi, spesso le piante sono indicate oltre che per la loro utilità, anche per il loro valore simbolico legato alla specie o al numero in cui sono descritte.

Il giardino del Medioevo, o giardino dei semplici, ha un origine puramente utilitaristica, qui si coltivano piante alimentari e piante medicinali, oltre ad assumere un valore religioso: il giardino simbolo del paradiso e privo di peccato, contrapposto al bosco, popolato dalle fiere selvatiche , simbolo di peccato. Il giardino diventa anche hortum deliciarium, al suo interno si coltivano i fiori e i frutti per la casa e la cucina ma anche l’amore della letteratura del tempo.

Elemento essenziale dell’orto dei semplici è l’acqua, la conoscenza relativa al suo uso e alla sua conservazione. Tali nozioni derivano dalla cultura araba.

J. Harvey, studioso di giardini medievali, distingue cinque diversi tipi di giardino:

  • il “verziere” o kitchen garden,
  • il giardino delle erbe medicinali,
  • il giardino patrizio, il giardino del castello,
  • il giardino monastico,
  • il giardino d’ornamento o pleasure garden.

In un’altra fonte antica di studio, Walafrido strabone (830 d.C.), si fa riferimento a numerose specie aromatiche, officinali e da cucina (finocchio, salvia, aglio, ecc.). Si disegna la pianta di un “orto medicinale”, composto da “spartimenti”, nei quali erano messe a dimora le diverse specie di piante, come in un futuro orto botanico. Carlo Magno fa scrivere il “Capitulare de Villis”, con istruzioni sui giardini. Alberto Magno nel “De Vegetabilibus et plantis”, descrive un giardino ideale. Pietro de’ Crescenzi, nel 1305 scrive “Liber Ruralium Commodorum, dove indica con precisione i tipi di giardino (“delle erbe piccole, per le persone mezzane, dei signori”). Giovanni Boccaccio, nel Decamerone, descrive un giardino recintato, con vie dritte, bordate da siepi di rose bianche e da gelsomini, ricco di profumi, con una fontana, un prato verde scuro fiorito, alberi di agrumi, fiori e frutti.

Nel giardino medievale è assente il gusto estetico per la composizione d’insieme.

Furono i monaci a svolgere un’intensa attività di ricerca in campo farmaceutico riguardo la produzione di medicamenti efficaci per la cura di vari disturbi, oltre alla redigere cataloghi articolati e commentati delle diverse erbe coltivate che venivano utilizzate per le cure mediche, detti Hortuli.

Il Giardino dei semplici a Firenze

giardino-dei-semplici-firenzeIl Giardino dei semplici si trova nel cuore di Firenze e dopo il giardino botanico di Pisa e di Padova è considerato il terzo orto botanico più antico del mondo. Il giardino dei semplici fa parte delle svariate opere fortemente volute da i Medici, in particolar modo da Cosimo I che dato il particolare interesse per lo studio del mondo naturale propose la sua costruzione nel XVI secolo. Nasce come luogo pubblico dove si potessero coltivare piante native di varie parti del mondo, per offrire agli studenti più giovani l’opportunità di riconoscere ogni pianta, come lo stesso ideatore Luca Ghini indicò.

Oggi il Giardino dei semplici di Firenze è divenuta una sezione del museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze, si estende per una superficie di circa due ettari, di cui una parte sono occupati da serre sia calde che fredde e una parte da aiuole esterne. Nella serra fredda sono alloggiati agrumi, cicadee, palme, succulente. In quella calda troviamo le piante tropicali, subtropicali e le acquatiche. Gli allestimenti presenti all’esterno hanno diversi temi d’interesse, piante medicinali e velenose, evoluzione, giardini orientali, storici, di acclimatazione, alimentari con specie eduli selvatiche della Toscana, rose botaniche antiche e moderne.

Il Giardino dei semplici ospita diverse varietà di piante secolari, molte delle quali sono in via di estinzione, rare o esotiche. Al suo interno troviamo anche alcuni alberi monumentali degni di nota: Taxus baccata del 1720, Quercus suber del 1805, Zelkova serrata del 1891, Taxodium huegelii del 1884, Zelkova crenata di fine XIX secolo.

Comments
  • Sonja
    Rispondi

    Rimango sempre incantata dalla storia e dalla ricerca che c’è stata dietro la creazione di questi giardini.. mi perdo lungo i loro sentieri fuori dal tempo..

Lascia un commento