giardini urbani, giardini profumati

Un odore portato dal vento può trasportarci in altri mondi o suscitare ricordi remoti: l’olfatto è forse il più emotivo dei cinque sensi.

giardini urbani come i cortili, i balconi verdi e le fiorieresono tutti luoghi privilegiati per sperimentare la coltivazione di piante e fiori profumati. In questi ambienti spesso le piante si trovano in una posizione prossima al livello del naso, su tavoli, davanzali e tutori per i rampicanti; inoltre gli spazi delimitati dai muri all’interno delle città conservano più facilmente le fragranze, che non vengono disperse dalle correnti.

Le piante che emanano profumi aggiungono sicuramente un’altra dimensione al vostro spazio verde ma nella progettazione di giardini profumati, prima di tutto, date la priorità agli esemplari più interessanti , esteticamente attraenti, appropriati al clima, all’ambiente e alla posizione a cui sono destinati.

Scegliere la posizione

Lilium_orientalisIn genere le fragranze servono alle piante per la riproduzione, per attirare insetti impollinatori: quindi tenete conto di questo fattore, soprattutto se in famiglia c’è qualcuno allergico alle punture di insetti.

La potenza degli effluvi varia da specie a specie ed è un altro elemento importante per decidere dove porre a dimora una pianta.  Piantate gli esemplari dalle fragranze più delicate vicino a casa (come i fiori di Pisello odoroso –Lathyrus odoratus), mentre quelle più forti – come il Giglio Stargazer (Lilium) – avranno una collocazione più arretrata.

Allo stesso modo fate attenzione a non concentrare profumi diversi e forti nella stessa area o con lo stesso periodo di fioritura; in realtà esistono tanti mix gradevoli da sperimentare: uno di questi si ottiene affiancando alla leggera nota speziata del Dianthus ‘Raspberry Sundae’ (Garofano), il profumo intenso della Lavanda spigo (Lavandula latifoglia) e la freschezza del Bergamotto (Citrus × bergamia). Ma se non vi sentite sicuri nel mescolare note odorose, meglio peccare per eccesso di prudenza e piantare le diverse fragranze in aree ben separate.

caprifoglioPer lo stesso motivo,Caprifoglio (Lonicera L.), Gelsomino (Jasminum L.), Lillà(Syringa vulgaris) e Peonia  L., che sono tutti fiori dai profumi decisi, andrebbero piantati distanti gli uni dagli altri. Vi consigliamo di considerare anche le direzioni prevalenti  delle correnti nella vostra zona, in modo da posizionare le piante sottovento, perché le brezze possano condurvene il profumo anziché allontanarlo.

Infine, è importante cercare  di scaglionare i tempi di fioritura, per ottenere un giardino profumato in ogni stagione, magari con effluvi differenti  nei diversi momenti del giorno e della notte.

Ognuno di noi anche in fatto di profumi possiede un suo proprio gusto e ha le sue personali idiosincrasie: c’è chi ad esempio ama le essenze esotiche e speziate; chi preferisce le note fruttate e mielate; chi predilige gli aromi più freschi, di agrumi,  o di mandorla e vaniglia. La natura per fortuna ci dà la possibilità di scegliere tra un’infinita varietà di piante odorose, da frutto o da fiore, per comporre giardini profumati a nostra immagine e somiglianza.

Ma di varietà profumate, abbinamenti e fioriture di stagione parleremo ancora in un prossimo post.

Lascia un commento