calendario dei lavori di giugno

Giugno è il mese con il giorno più lungo dell’anno, e la luce supplementare unita al calore del sole accelerano in orti e giardini la crescita delle piante, comprese le erbacce infestanti che devono essere combattute con zappature frequenti e superficiali, per evitare che danneggino l’apparato radicale delle piante negli orti o che possano soffocare la crescita delle giovani piante.

Le infestanti inoltre sono un ottimo ingrediente per il compostaggio e sono utilizzabili per la pacciamatura.

Tra le urgenze del mese ricordiamo le annaffiature più frequenti con priorità per gli ortaggi a foglia verde e per le piante in vaso (evitando lo spreco d’acqua, soprattutto in zone come quella di Firenze, con tendenza alla siccità estiva), l’ombreggiatura immediata delle serre (onde evitare colpi di calore e bruciature) e il taglio del prato (a un ritmo consigliato quasi settimanale).

Nell’orto vanno raccolte patate novelle (si possono dissotterrare  una volta iniziata la fioritura delle piante), lattuga, radicchio, insalate.

In questo periodo si seminano gli ortaggi a raccolta estiva-autunnale:  porri, bietole, cardi, ravanelli, cavolfiori,cavoli,cappucci, finocchi, insalate autunnali.

Sempre nell’orto abbiate cura di fare la “sfemminellatura“, ossia di eliminare i getti laterali di pomodorimelanzane e cetrioli, per concentrare le energie della pianta sulle produzioni in avvio dal germoglio principale. Questa è una tecnica che favorisce la nascita dei fiori femminili, quindi dei frutti. I germogli laterali vanno eliminati prima che superino l’altezza di 10 cm. Alla sfemminellatura seguiranno lecimature.

Le siepi come gli arbusti perenni a fioritura primaverile vanno regolarmente potati. Eliminate i fiori appassiti di rododendri e azalee.

Lascia un commento